L’eclettismo di Gianni Versace nei gioielli scultura della designer Marina Corazziari

Made in Italy è la parola chiave per riassume perfettamente questa edizione di AltaRoma. Tra i numerosi eventi e sfilate organizzate, quest’anno all’interno della storica cornice di Villa Brasini a Roma si è svolto il vernissage “Marina Corazziari & Friends”, organizzato dalla stessa scenografa e designer di gioielli Marina Corazziari che per questa nuova collezione si è lasciata ispirare ad uno degli stilisti più amati e apprezzati di sempre: Gianni Versace. In particolar modo al suo stile opulento e al simbolo della maison italiana, la medusa.

La designer, infatti, ha realizzato creazioni uniche nel loro genere e lavorate rigorosamente a mano, in un mix perfetto tra stile neoclassico, barocco e pop. Pietre, perle e cristalli impreziosiscono i monili colorati. Il colore, in particolar modo, è uno dei tratti distintivi di Marina Corazziari che a tal proposito dichiara: “Oggi c’e’ bisogno e voglia di colore, energia, positivita. Il colore e’ alla base di cio’ che e’ creativo e positivo e in una realta’ purtroppo segnata da tanti orrori e brutture c’e’ bisogno di bellezza, per estraniarsi un po’ dalla realta’ e tornare con una rinnovata energia ad affrontarla meglio”.

Delle vere e proprie scultura preziose da indossare, per le donne che amano osare e che non vogliono passare inosservate: “In una realta’ in cui siamo invasi da bigiotteria e gioiellini di tutti i tipi, questa e’ una proposta per chi cerca un pezzo unico, al di sopra della media e che fa dell’alta moda, della qualita’ e dell’eccellenza che contraddistingue il Made in Italy un vero punto di forza” ha commentato la designer.

La bellezza eclettica, fil rouge della mostra, è riuscita a riunire moda, arte e musica in una sola volta. L’esposizione di gioielli, accompagnati dalle note del sound designer Francesco Gagliardi, è stata accolta tra elementi d’arredo realizzati dalla interior designer Gianna Tedeschini che hanno completato i tableaux vivantes.

Eleganti e unici anche gli abiti indossati dalle modelle. Si tratta di abiti cult degli anni ’90, appartenenti alla collezione privata di Tony Caravano e curata da Sabina Albano. Anche in questa occasione viene dato spazio ai giovani talenti, non a caso, alcuni degli abiti esposti sono statti creati dalla designer emiliana Fabiana Gabellini. Immancabili i famosi foulard disegnati per Versace dallo stilista Ilian Rachov e le esclusive calzature firmate da Duccio Venturi Bottier.

L’immagine di “Medusa”, l’opera di Guido Corazziari, architetto e fratello della designer, rivisitazione in digitale della celebre opera del Caravaggio esposta agli Uffizi di Firenze, è il simbolo per eccellenza della mostra/evento.

Claudia Brizzi
ph. I Tranchese

Articolo precedente“The Dream”: Gattinoni trasforma i sogni in realtà
Articolo successivoNuovo spot della Compagnia Out Dance Project “4.0”
Determinata, creativa e sognatrice, nata a Roma nel 1994, è iscritta all’Università La Sapienza di Roma dove attualmente frequenta il terzo anno del corso di laurea in Scienze della Moda e del Costume con l’obiettivo di accrescere le sue competenze professionali e trasformare la passione nei confronti del Fashion System da sogno a realtà, da hobby a professione. Insieme ai viaggi, la moda e la comunicazione sono da sempre le sue più grandi passioni. Il profondo interesse per la scrittura e la comunicazione le ha permesso di collaborare con diverse testate giornalistiche come freelance fashion editor stylist, tra le quali www.fashionnewsmagazine.com, www.snapitaly.it, www.modasapienza.com, www.modadivas.com e il semestrale WRPD Magazine. Curiosa, determinata e intraprendente, ha frequentato un corso di Sartoria Base presso il LabCostume, un corso di fotografia presso l’associazione OfficineDada, un corso online di Personal Shopper e Consulente d’immagine e preso parte anche a numerosi workshop organizzati dall’Istituto di alta formazione “Eidos” in Giornalismo radiotelevisivo e Comunicazione e giornalismo di moda e dall’Istituto Europeo di Design “Ied” in Moda trasversale imparando nozioni utitli per l’accrescimento delle sue esperienze in ambito giornalistico. La collaborazione con l'ufficio stampa della maison di moda romana Gattinoni le ha dato la possibilità di allestire la mostra "In Acqua: H2O molecole di creatività" sita alle Terme di Diocleziano a Roma, a cura di Stefano Dominella e Bonizza Giordani Aragno e di partecipare come ospite alla rubrica “Moda di moda” all’interno del programma “Fatti Vostri” e al programma “Tg2 Insieme” in onda su Rai 2. Da perfetta “addicted traveller”, a soli 22 anni ha avuto la possibilità di girare il mondo entrando in contatto con culture molto diverse tra loro e paesaggi suggestivi da togliere il fiato. Alla costante ricerca di nuove ispirazioni per dar vita a trend originali e mai banali, ha preso parte alla manifestazione Pitti Uomo 89 e Pitti Uomo 90 a Firenze e all’edizione di luglio 2015, gennaio e luglio 2016 di AltaRoma Altamoda a Roma perché come affermò Bill Blass, “lo stile è soprattutto una questione d’istinto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.