È stato un piacere aver potuto intervistare la famosa Art Fashion Designer slovacca Gabriela Giotto; che ringrazio vivamente per questa  cordiale intervista.

Come ti definiresti personalmente e professionalmente?

Sono una persona visionaria, molto creativa ed energica, la mia spinta e la ragione per respirare sta nel creare. Tramite il mio sguardo interiore riesco a vedere molte cose e professionalmente sono determinata all’innovazione e alle moderne tendenze globali.

 Quando e com’è nata la tua passione per il mondo della moda?

Più che di moda è stata l’ARTE a parlare al mio cuore. Vengo da una famiglia con un forte background culturale. Ma per farla breve … Durante il periodo in cui ero ancora direttore marketing dell’ultima multinazionale per cui lavoravo, esponevo i miei quadri. Il punto di svolta per me è stata la consapevolezza che non mi soddisfacesse più. Mi ero chiesta: “Chi visiterà ancora le mostre nel 21° secolo?” La risposta è stata: “In pochi”. E volevo assolutamente avvicinarmi a un pubblico più vasto di una minoranza di amanti dell’arte, quindi desideravo trasmettere “opere d’arte e bellezza” alle cose che la gente ama e usa ogni giorno. È così che ho iniziato a progettare e decorare le mie prime magliette, tazze da caffè, bicchieri. È stato il momento in cui il mio attuale marchio di design Gabriela Giotto Fashion ha iniziato a vibrare.

 Io so che tu sei chiamata la Versace Slovacca. In che senso?

Forse perché sto creando e producendo i miei tessuti come ha fatto Gianni e anche il mio estro artistico fa respirare un profumo d’Oriente, con ornamenti che possono essere collegati anche alle sue opere d’arte. Ne sono orgogliosa, perché adoro le sue creazioni!

Potresti darci una breve introduzione sul tuo stile?

Sono pienamente consapevole che dietro il desiderio di ogni donna di essere bella è nascosto un desiderio più profondo di essere amata. Ecco perché le donne vogliono essere attraenti per gli uomini e attirare la loro attenzione, perché attenzione significa amore ed energia. La moda è uno degli strumenti molto potenti. Quando creo, lo tengo presente ed influisce anche nel mio stile. Preferisco un’eleganza senza tempo nell’abbigliamento, sottolineando la femminilità, la sensualità, il sex appeal in un modo sofisticato.

Cosa puoi dirci delle tue esclusive collezioni?

Quando parliamo delle mie collezioni di moda Haute Couture, è una sinergia molto complessa di un concetto creativo (proveniente dai miei dipinti su tela acrilica), design grafico, materiali e tecnologie di buona qualità mentre realizzo tessuti su misura. Non stampo metri (filmati) di tessuti con il mio design, creo motivi direttamente sul taglio concreto degli abiti, il quale significa che deve adattarsi esattamente a 1 mm. Ciò richiede ore e ore di lavoro grafico, ma questo è ciò che lo rende UNICO sul mercato.

Quali speciali o distintivi accessori fashion offri?

Nel portfolio del mio marchio di design Gabriela Giotto Fashion puoi trovare sciarpe colorate alla moda, borse (eleganti/sportive), scarpe da tennis, costume da bagno, cuscini, ecc.

Cosa ti piace mostrare ai tuoi eventi? 

La mia caratteristica è che lavoro spesso con enormi schermi al plasma sul palco. Voglio focalizzare l’attenzione della gente sul fatto che sono un designer ArtFashion, in modo che possano vedere prima il mio dipinto o disegno originale sullo schermo e solo dopo la modella che esce nell’abito con il disegno dell’ornamento applicato sull’abito. Adoro presentare anche una sinergia di outfit con i miei accessori alla moda come sciarpe e borse.

Che significa per te essere un’artista d’anima colorita?

Numerose cose. In primis è che sono divergente. Significa che vedo dieci soluzioni dove gli altri ne vedono solo una. La mia anima è come uno spettro colorato in cui colori diversi si amano e sono combinabili in miliardi di modi diversi. Solo quando puoi accettare tutti i colori dello spettro, puoi sperimentare te stesso come luce.

Quale consiglio daresti ai lettori per apprezzare un buon Fashion Design?

La moda è una cosa altamente soggettiva, quindi la chiave è ascoltare te stesso e scegliere ciò che ti risuona. Tutti sanno il meglio.

Come e dove ti possono contattare le persone che desiderano sapere di piú sulla tua esclusiva produzione?

Potete trovarmi su tutti i social media: Facebook / Gabriela Giotto Fashion, Instagram / Gabriela Giotto, Twitter, Linkedin e anche sul mio sito web www.gabrielagiotto.com

Qual’è stata la tua migliore esperienza professionale? 

È molto difficile sceglierne solo uno: la sfilata di moda a Beirut in Libano, la mia presentazione di successo di ArtFashion a Hollywood a Miami, il servizio fotografico della mia collezione estiva a Ibiza, ed essere la rappresentante della Repubblica Slovacca all’Expo 2017 in Kazakistan, direi.

Quante lingue straniere parli? 

Sono madre lingua slovacca ovviamente, poi conosco l’inglese, un po’ di spagnolo, francese e russo.

Hai qualche progetto per il futuro? 

Naturalmente sto lavorando per numerosi progetti e per diverse collaborazioni, inoltre mi sto preparando per rappresentare la Slovacchia all’Expo 2020 a Dubai.

Per concludere, ringrazio vivamente la gentilezza e disponibilità di Gabriela per questa stupenda intervista, augurandole il meglio!

Posted, Interviewed and Translated to Italian by Avv.Mg.Alejandro Di Noto.(Argentina).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.