Home Notizie Guida di viaggio: Amsterdam parte seconda

Guida di viaggio: Amsterdam parte seconda

Come vi avevo promesso, anche se in un imperdonabile ritardo ecco il continuum della mia guida per Amsterdam!

Come accennato nel precedente articolo, i giorni in cui ci sono stata furono abbastanza, però non così tanti per vedere molto e quindi raccontarvene ancora di più.

Nonostante ciò le bellezze di Amsterdam continuano: uno dei musei, continuum del famoso palazzo d’inverno di San Pietroburgo, è l’Hermitage, assolutamente da visitare. Poco distante, e facilmente raggiungibile a piedi, troverete l’Orto Botanico, non grandissimo, ma comunque rilevante per gli amanti della natura grazie alla diversità di specie che è possibile trovarci.

Verso ora di pranzo poi io e la mia amica ci siamo spostate verso i quartieri Waterlooplein e Rembrandtplein. Qui, prima di dirigerci verso la Casa di Rembrandt e i famosi mercatini delle pulci, ci siamo fermate a mangiare in un posticino, Soup en Zo, che vi consiglio tantissimo! Specializzato in zuppe di tutti i tipi, potrete trovare anche delle ottime insalate ed è perfetto per chi vuole spendere poco, è di fretta ma ama il buon cibo.

Visitata la casa-museo siamo passate dall’altra parte della città, ora ripensandoci non so come abbiamo fatto a visitare così tante cose in un giorno, ma tutto è possibile dicono no? O forse era perché nel pomeriggio avevamo come obiettivo visitare la casa di Anna Frank. Vi consiglio di prenotare la visita in anticipo on-line poiché i biglietti si esauriscono in fretta e l’alternativa è farsi almeno 3-4 ore di coda –e farle fuori al freddo o sotto la pioggia non è la migliore delle cose-.

Prima di visitare la casa e di rivivere gli atroci ricordi di questa dolce ragazzina, siamo passate per lo store di Anna + Nina. È molto particolare e potrete trovare oggettistica dall’arredamento, agli accessori all’intimo. Per concludere la giornata ci siamo concesse un cocktail buonissimo nel famoso e antico pub Tales & Spirits, famoso per l’invenzione di cocktails ma anche per la sua squisita cucina.

La nostra ultima giornata è stata poi all’insegna del relax poiché verso sera dovevamo raggiungere l’aeroporto per ritornare a casa. Abbiamo visitato il quartiere delle 9 stradine – De Negen Straatjes – il quartiere si forma dall’incrocio dei tre principali canali della città: Prisengracht, Keisergracht, Herengracht, formando uno scacchiere di stradine, ognuna caratterizzata e specializzata nella vendita di una determinata classe di oggetti o da ottimi posti tipici e tradizionali dove poter pranzare. Noi dopo aver fatto dello shopping da Nuvo Niche, store simile a Anna+Nina, Carhartt e il bar-negozio Pluk, abbiamo mangiato un buonissimo pranzo da Bij Ons per poi provare gli ottimi cappuccini da Screaming beans. Qui il caffè e le miscele di thè arrivano da tutto il mondo ed è fatto esattamente come noi italiani lo amiamo – e ve lo dice una caffeine addicted -. Un’ottima carica prima del ritorno in hotel e del triste e lungo rientro a casa.

Si conclude così questa breve guida di Amsterdam, spero di esservi stata utile o per lo meno di avervi permesso di viaggiare con la mente, azione non facile da compiere!

Marina Greggio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.