Home / Moda / Gucci: La Fioritura

Gucci: La Fioritura

Da qualche anno le rivoluzioni nel settore “moda” sono diventate all’ordine del giorno; forse, la più significativa ed importante, da un anno a questa parte, è quella del cambio di “corona” nel brand del Made in Italy per eccellenza, Gucci. Dalla scorta di ex condottieri che sono passati per la casa Toscana, abbiamo avuto sempre artisti di un certo spessore, vedi Tom Ford che trasmise a Gucci quel carattere contraddistintivo della sensualità, e Frida Giannini, che con la sua “freddezza”, regalò quel tocco di charme e di glamour che il brand non aveva mai avuto.

Ma nel Gennaio del 2015, ci fu un terremoto all’interno dell’azienda: Frida Giannini annuncia l’abbandono da direttore creativo. Il fashion system rimase esterrefatto, in quanto la decisione arrivò come un fulmine a ciel sereno.

Iniziò un toto direttore creativo, dove tra i più papabili c’erano Hedi Slimane e Riccardo Tisci, ma la scelta cadde tra i meno noti al fashion system; Alessando Michele.

Chi è? Ce lo siamo chiesti tutti dopo la sua “proclamazione” e la risposta non tardò ad arrivare.

Lui era uno dello staff dell’organo di produzione e direttore area di Gucci, la sua scelta ottima e ammirabile, di Frida, è stata quella di scegliere qualcuno all’interno dell’azienda.

Sapete perché? Perché il sogno degli Italiani, è quello di crescere all’interno di una Impresa, non come dice il Jobs Act, ovvero di cambiare diversi lavori per acquisire più esperienza, poiché il mercato stesso respinge chi ha troppe competenze, è bene averne una, definita, e che con la propria conoscenza e studio si può migliorare ed innovare.

Salito al comando in Gennaio, entro la fine del mese doveva sfornare una collezione, in quanto la Fashion Week stava arrivando. Nel giro di due settimane ha realizzato i bozzetti, studiato (per quello che era possibile) ed ha lanciato la sua prima collezione. A primo impatto, abituati alle note eleganti maschili e particolari che Frida Giannini dava ai suoi capi, adattarci alla sua personalità molto forte, veniva difficile, in quanto la collezione risultava essere un po’ anonima, asessuata e di poca eleganza, ma VOGUE la definì come la “Sfilata più bella di quella Fashion Week”.

 

Passarono dei mesi prima che ci fosse la nuova settimana della moda Maschile, ma prima ci fu la presentzione della Cruise Collection Femminile, dove fece vedere parte delle sue doti, che risultarono essere epiche per per la maison e per il suo Nome. Rivoluziona il comparto accessori, rivoluziona la sensualità femminile, avvolgendola in pizzi colorati, in stampe floreali ricercate e forti trasparenze. Le borse, gli occhiali, le scarpe e i cappelli sono appunto le note più calde della sfilata.

Il mercato femminile è in ESTASI.

Gucci-768x498

Il maggior successo di Alessandro arrivò con la Fashion Week di Giugno 2015, dove con la sua definizione e non definizione dei concetti legati all’abbigliamento maschile, riesce a catturare l’attenzione di un target ampissimo. Le sue camicette in seta con fiocchi in pizzo, i suoi pantaloni floreali, il suede e gli animali esotici intrappolati nei tessuti ricercati, sono stati il lascia passare per essere incoronato il re della stagione.

Tutti vogliono un capo di Gucci, qualunque esso sia.

 

La capacità forte e distintiva è stata quella di dire “RIVOLUZIONIAMO, RINASCIAMO”, così ha fatto.

Se nei primi mesi della direzione di Alessandro, Gucci era in perdita, negli ultimi mesi ha rilanciato i suoi fatturati. Tutti vogliono qualcosa ridisegnato da lui, anche la cosa più semplice, ovvero la cintura con il logo in metallo, che tutto il fashion system ripudiava, in quanto “KITCH“, ma che ora è uno dei must have per la stagione.

Il suo concept è romantico, vintage e ricercato, che anche all’occhio più cinico strappa un “che bello, cavolo”, i suoi abiti raccontano storie, storie d’amore ai giorni nostri, l’osare sempre, anche se si riceve una porta in faccia, tanto a noi cosa ci interessa, se indossiamo un Gucci disegnato da lui? Credo nulla.

L’insegnamento che ci può far leggere Alessandro, che è alla base di ogni gestione d’impresa, è quello di osare, portare avanti il proprio lavoro facendo sì che la propria idea diventi quel qualcosa cui gli altri non riescano a far meno. Definire il proprio target, ergo i mercati dove esporci, se sono mercati difficili da conquistare. Osare sarà la carta migliore da utilizzare; cooperare e farsi forte del fatto che ciò che lui rende al mercato è qualcosa di unico e che solo lui, per ora ha realizzato.

Alessandro ha sicuramente vinto e Gucci ha avuto ancora una volta una rinascita EPICA.

Giammi Bo

About Gianmarco

Gianmarco nasce a Cagliari il 5 di Giugno del 1992. Fin da piccolo nutre una forte passione rispetto ad attività creative, come il disegno, il design e l’arte. Diplomato all’istituto per Geometri, non sapendo che strada prendere tra studio e lavoro, decide di dedicare i primi sei mesi post diploma alla ricerca del lavoro (che purtroppo si era nascosto troppo bene), e ad inizio 2012 inizia il suo percorso lavorativo e formativo più importante, che lo accompagna ancora oggi, ovvero quello del Volontariato. Tramite lo stesso, ha avuto la possibilità di lavorare in gruppo, imparare ad amministrare persone, comunicare, dialogare e stendere progetti. Ha frequentato diversi corsi per migliorare le sue competenze, allo IED per specializzarsi nella elaborazione grafica architettonica, corsi linguistici, corsi di formazione professionale come Informatica Avanzata, Editing, Linguaggio Informatico e Social Media Marketing, e i corsi, promossi dalla Fondazione con il Sud, "FQTS" nei percorsi formativi del 2015 in FQTS2020, del 2014 come formazione continua, e del 2013 nell'ambito della Progettazione Partecipata. Tutt'oggi studia Economia e Gestione Aziendale presso l’Università degli Studi di Cagliari. Spinto dalla passione per l’arte, la moda, il design e questa forte voglia di comunicare, apre un sito web improntato su queste sue passioni. Molto importante lo spazio che ha deciso di dedicare per il movimento artistico e creativo all'interno, non lasciando solo spazio all’handmade, ma anche a tantissime altre espressioni di arte e comunicazione. Gianmarco, scriveva per il web magazine giovanile “Sciradì”; è il referente del comparto Giovani dell’associazione di Volontariato “ANTEAS Sardegna”, lavora attivamente all’interno dell’associazione “ANTEAS Sardegna” come progettista, comunicatore e docente di corsi di formazione, è Socio di una ONG, “COOPI Sardegna”, è disegnatore grafico free-lance per progetti Ingegneristici e ha collaborato assiduamente con la Associazione Culturale “The Oddity Box” in tema di Marketing e Social Media. Gli piace impiegare il suo tempo in modo utile, seguendo parecchi congressi, seminari e corsi di formazione per non rimanere indietro rispetto a ogni singolo settore.

Check Also

Annabelle 3

“Annabelle 3”, pericolo: non entrare nella stanza dei manufatti dei Warren

“Annabelle 3”, la bambola posseduta dell’universo di “The Conjuring” torna nei nostri cinema View this …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.