Home Gourmet Gusto Gran Premio della Cucina Veneta all’Antica Trattoria Ballotta

Gran Premio della Cucina Veneta all’Antica Trattoria Ballotta

E’ Polesano il piatto che ieri sera in Corte dell’Antica Trattoria Ballotta a Torreglia, si è aggiudicato il Gran Premio della Cucina Veneta patrocinata dalla delegazione Euganea dell’Accademia Italiana della Cucina. Un premio giunto alla sua decima edizione che coinvolge selezionati chef di tutte le provincie del Veneto per una sfida a colpi di ricette della tradizione, condite con la giusta dose di creatività innovativa che ben si attaglia ai nostri giorni. Così come vuole spirito dell’Accademia Italiana della Cuina nel cui nome è stato ideato questo concorso da Fabio Legnaro, patron e chef lui stesso insieme con la sorella Cristina, dell’Antica Trattoria Ballotta che ospita la festosa gara proprio all’interno della piazzetta antistante l’ingresso dello storico locale del 1605, dedicata a Orio Vergani, fondatore dell’istituzione gastronomica accademica e grande amico di Toni Carta, detto Ballotta, patron predecessore degli attuali titolari della famiglia Legnaro.

11536072_10153008418521314_6326796839108985192_n

Tornando alla gara, oltre alla compagine rodigina, capitanata dall’Arcadia e dalla figlia Pamela Veronese del ristorante Arcadia di Santa Giulia di Porto Tolle, che si è aggiudicata il trofeo con il Broeto di anguilline selvatiche aromatizzate con foglie di mentuccia, sotto esame anche gli altri piatti in concorso: “Bigoi in salsa” della squadra veneziana; i Cassunzei rossi alla ricotta del Cansiglio e noci con sugo di agnello dell’Alpago dei bellunesi; la Crema tiepida di cipolla con chips di baccalà dei veronesi; Gnocchetti di patate con pesto di foglie di vite di uva fragola dei trevigiani; Tortino con intigolo di faraona e finferli dei vicentini; il Baccalà alla Cappuccina dei padovani. Tutti di buona caratura ma che non sono riusciti, come per il piatto rodigino, a convincere ne la giuria tecnica formata dagli accademici della cucina italiana ne quella popolare, formato dal numeroso pubblico chiamato ad esprimere il suo gradimento fra i piatti in gara ma anche fra tutti gli altri piatti.

10357260_10153008449021314_6136618968280413380_n

Realizzati dalle squadre di chef coordinati dal presidente veneto FIC Claudio Crivellaro, per completare il ghiotto menù. Servito, come vuole tradizione veneta quando si hanno tanti ospiti, in Corte. O meglio nella Corte dell’Antica Trattoria Ballotta di Torreglia ai piedi dei colli Euganei che questa sera, con l’evento-cena dedicato ai piatti della cucina degli anni ’80 concluderà in bellezza la Trilogia del Gusto edizione 2015. Tre serate iniziate con la cena di beneficenza “ A Tavola con le Stelle a Nordest” del 17 giugno, il premio Vergani Ballotta del 18 giugno e I Mitici anni ’80 di questa sera, 19 giugno.

www.ballotta.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.