Home / Moda / Moda Donna / Collezione Mondrian: Arte e Moda come coronamento di puri ideali

Collezione Mondrian: Arte e Moda come coronamento di puri ideali

Era il 1965 quando Yves Saint Laurent erede diretto della maison d’Alta Moda Francese di Christian Dior, crea la famosa e imitatissima, ma pur sempre ineguagliabile “collezione Mondrian”, che contribuì non solo a definire il suo incredibile talento ed estro creativo, ma a dare vita ad uno dei simboli iconografici del secolo scorso in grado di identificare uno stile per una donna giovane e di potere.

1dbfa783ccb311a13c475010e32560da

Il genio di Yves non si riconosce solo per il suo immenso talento di andare incontro a poesie senza tempo, ma invenzioni importanti lo hanno contraddistinto e hanno contribuito a segnare quelle linee globalmente riconosciute ancora oggi: la forma a trapezio, in grado dare all’abito una perfezione stilistica a metà tra l’eleganza e la semplicità.

66aa25624d737e06ca6440bc0b5a552b

La collezione Mondrian prende il nome e ispirazione dal pittore olandese Piet Mondrian, il quale tutta la vita cercò di ridurre le forme dal concreto all’astratto. Questo studio arrivò appunto alla riduzione famosissima del 1930 utilizzata da Yves nei colori che ritroviamo gioviali nella sua collezione. Un modo per farci comprendere di quanto Moda e Arte in un mix incredibile di legami riescano ad uscire dall’immaginario collettivo di fugacità per creare qualcosa in grado di protrarsi nel tempo e quindi definirne uno stile ben preciso, identificando le persone che indosseranno un abito, un vestito o una banale creazione che renda loro speciali, almeno per una sera.

b8192e59bcf28f9d20186db0ec6bf7c4

Le linee verticali e orizzontali rappresentano nell’ordine riportato il principio vitale attivo femminile e maschile, il loro incontro a croce è simbolo di fertilità e vita, come lo sono i colori primari ( rosso, blu e giallo).

d02c7d3b2e002b44bb7c3e797e732fe1

Lo stilista non si limitò ad ispirarsi all’artista olandese ma lo fece nel tempo con tanti altri pittori del novecento come Picasso, Matisse e Andy Warhool proprio per dimostrare che Arte e Moda sono insieme il coronamento di un’ideale che supera il reale apparire, essendo portavoce di tanti modi di essere che ne definiscono personalità uniche ed inimitabili.

Digital Capture

7bf0baf9a5debd4686ba98f624a6fda8

e4b42648ed3d721829defc831f8d5ed0

fd3529fd7b8a7a7bc0f04eb76b2e6986

mondrian_saint_laurent

About Stefano Fiori

Stefano Fiori. Questo è il nome. Di solito non mi piace scrivere di me, la trovo pura esibizione di se stessi, ma è anche un modo per farmi conoscere ai lettori di ALPI FASHION MAGAZINE. Non mi reputo un ragazzo come tanti, e fin da piccolo ho coltivato l’idea che trascorrere del tempo con se stessi, con la propria individualità fosse un fatto affascinante, e da cui ne sto traendo qualche frutto. Scopri cose di te stesso, che probabilmente mai nessuno saprà mai. Impari che persino il silenzio ti entusiasma, ma non quanto il rumore, che insieme hanno la particolarità di avvolgere la sensibilità che ti sei creato nel tempo. I libri sono sempre stati il mio nutrimento, la mia più grande ispirazione. Mondi nel quale rifugiarsi e vivere quando non sopporti più l’idea di vivere in silenzi immensi. I libri sono colore, uno per ogni stato d’animo. Il sorriso la mia caratteristica. Non c’è una fotografia, un vecchio filmato nel quale io non sorrida. Sono sempre stato un bambino sereno, nel senso che la mia eleganza consisteva, fin da piccolo nel procedere a passi felpati, per paura di disturbare, persino a casa mia, quello che poi sarebbe diventato il più grande regno degli amori, più che di semplici affetti. Col tempo scrivere è diventato quel modo di colmare quei vuoti, nei quali dominava l’inconsistenza più assurda. Un modo per emozionarmi, e talvolta emozionare. Scrivere mi aiuta ad amplificare il dislivello tra l’essere e l’apparire. Ciò che mi definisce, almeno fino a questo punto è una sensibilità maturata col tempo, ed un amore per la bellezza, per l’arte, per i sorrisi. Mi piace pensare che queste tre cose siano collegate e possano in qualche modo rendere più autentiche in quanto più consapevoli le persone, che muovono il mondo e gli danno dinamicità e pregio, gli danno vita. www.newstilepublications.com

Check Also

sos village

Sul Lago di Caldonazzo SOS Village. Soggiorni estivi per bambini

Una vacanza all’insegna della formazione e del divertimento per i bambini provenienti da tutta Europa. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.