Home / Spettacolo / Arte / L’arte ribelle del Sessantotto in mostra a Milano
Sessantotto
Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

L’arte ribelle del Sessantotto in mostra a Milano

“La funzione espressiva di ogni messaggio è di consentire al mittente di identificarsi come tale.” Questa dicitura scritta su uno striscione rosso che aleggia all’ingresso della mostra “Arte ribelle. 1968-1978 Artisti e gruppi dal Sessantotto”, in corso alla Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano fino al 9 dicembre 2017, trasporta il visitatore nel passato recente. A quasi cinquant’anni dalla data fatidica del Sessantotto, la retrospettiva racconta l’incontro cruciale tra tutte quelle espressioni artistiche che in Italia si sono ampiamente ispirate alla proteste politiche insieme alle prime denunce per la guerra in Vietnam. Le contestazioni a favore della libertà e dell’uguaglianza animarono anche il decennio successivo.

Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

L’esposizione, curata da Marco Meneguzzo, propone la selezione di un’ottantina di opere, alcune di grandi dimensioni, e una importante serie di documenti illustrati e di testimonianze fotografiche che rappresentano non solo gli avvenimenti ma soprattutto il costume dell’epoca.

La mostra presenta un gruppo di artisti tra i più rappresentativi del secondo ‘900 italiano ed europeo come Vincenzo Agnetti, Franco Angeli, Fernando De Filippi, Nanni Balestrini, Age, Paolo Baratella, Gianfranco Baruchello, Fabio Mauri, Mario Ceroli, Emilio Isgrò, Pablo Echaurren, Mario Schifano, Ugo La Pietra, Umberto Mariani, Franco Vaccari, Gianni Pettena, Gianni Emilio Simonetti e Giangiacomo Spadari.

L’esposizione è correlata da un catalogo che reca un saggio approfondito del curatore,   i testi di Alberto Saibene, Enrico Morteo, Francesca Caputo, Matteo Guarnaccia, ed interviste inedite supportate da un notevole studio iconografico.

Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

Il percorso espositivo annovera anche coloro che, in maniera anonima, hanno operato nel campo dell’illustrazione, del muralismo e nelle diverse altre forme di comunicazione visiva fino a raffigurare la realtà in immagini di uno dei momenti più fortemente creativi della cultura italiana del Novecento.

Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

Si mettono così a confronto linguaggi cosiddetti “alti” (pittura da un lato e arte concettuale e comportamentale dall’altro) e “bassi” (l’illustrazione di riviste e di fanzine come “Re Nudo”, ecc…), che in quegli anni hanno cercato di costruire una sintesi espressiva ed innovativa che fosse al contempo accettata dalle grandi masse.

Così il confronto tra arte ed illustrazione, utilizzate per ciò che un tempo si definiva propaganda per le stesse finalità ideologiche, costituisce uno dei motivi di maggior interesse.

Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

Mentre dieci anni fa la Francia celebrava la “Figuration Narrative” con una mostra al Centre Pompidou, è giusto che anche Milano, fulcro della protesta studentesca e operaia italiana, rendesse omaggio a tutti i protagonisti che furono testimoni in prima linea di quel momento storico e sociale.

Francesca Bellola

Arte Ribelle. 1968-1978 Artisti e gruppi dal Sessantotto

dal 12 ottobre al 9 dicembre 2017

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta n. 59 – Milano

Orari: da martedì a venerdì 13.30-19.30; sabato 11-18.30
chiuso domenica e lunedì, 1 novembre e 8 dicembre
Ingresso libero

Informazioni:
galleriearte@creval.itwww.creval.it

Ph: Fabrizio Stipari / CreVal

Di Francesca Bellola

Vive a Milano. Giornalista e direttore del portale OkArte.it, scrive per varie testate tra le quali: Il Giorno (quotidiano), Alpi Fashion Magazine, Ok Arte di cui ha diretto per sette anni il freepress cartaceo. E’ curatore di mostre d’arte in sedi Istituzionali, private e gallerie in Italia. E’ Art-Promoter di artisti affermati ed emergenti, organizzatrice ed ideatrice di eventi culturali. L’esperienza, acquisita nel corso degli anni per l’arte in tutte le sue forme, l’ha portata a coltivare ottime relazioni esterne con il suo staff. Adora i felini nella fattispecie i gatti perché hanno delle caratteristiche simili al suo carattere. Infatti è istintiva, indipendente, tenace e non ama le persone opportuniste e calcolatrici. Nel tempo libero gioca a tennis, nuota e fa shopping.

Leggi anche

Kendall Jenner

Kendall Jenner, la modella più pagata al mondo grazie a 85 milioni di follower Instagram

Come si comunica la moda nel 2017? La risposta è quantomeno scontata: si comunica attraverso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.