Se hai il “pollice verde” o hai deciso di compiere una scelta eco-friendly, questi sono gli accessori che non possono mancare

Oggi sono numerose le aziende che si stanno spostando verso una scelta “green” e più rispettosa dell’ambiente. Perché difendere l’ecosistema conviene a tutti. Ecco gli accessori eco-friendly che possono aiutarti, ogni giorno, a compiere acquisti più consapevoli e sostenibili!

1. Phonecase per smartphone

Le classiche custodie per smartphone che usiamo tutti i giorni? Sì, specialmente se sono riciclabili. Scegli quelle realizzate con materiali a base vegetale, come Loam & More, compostabili al 100%. Quando hai finito con la custodia del telefono, mettila nel bidone del compost a casa e si romperà completamente entro due anni. Oppure Najture: per ogni cover biodegradabile venduta, il brand s’impegna a piantare 5 alberi, per contribuire a creare un mondo più verde.

Accessori eco-friendly

Najture

Inoltre, è completamente priva di BPA, ftalati, piombo e cadmio, con una presa antiscivolo e antigraffio. Ma ci sono anche le cover in sughero o in bamboo, o quelle made in Italy come iNature.

Ricorda, però, che se hai già una cover per il tuo smartphone, la scelta più ecologica è quella di non comprarne altre. Il principio del riutilizzo è alla base del riciclo sostenibile: a meno che la tua cover non sia del tutto danneggiata o inutilizzabile, non ha molto senso comprarne altre.

Sai che puoi usare anche molte app e perfino browser green, come Treedom o Ecosia, per piantare alberi e utilizzare al meglio il tuo cellulare? Fai attenzione alle truffe, verifica sempre che il produttore metta in pratica ciò che promette e usa il tuo smarthone in maniera davvero intelligente.

2. Bijoux ecologici

Per indossare gioielli che sostengono l’ambiente, puoi provare la bigiotteria ecologica di Verde Vivendo, con collane ecologiche e altri bijoux ipoallergenici privi di nichel, cadmio e piombo. Lo stesso produttore offre anche bomboniere green, gadget eco-friendly e altre idee regalo.

Ma ci sono anche progetti come Eco Bijoux, nato nel 2013 da una collaborazione tra Miko, ideatore della microfibra ecologica Dinamica®, e Tu&Tu, realtà italiana eco-fashion che propone abiti e accessori etici, animal-friendly e made in Italy. Si tratta di collane variopinte ispirate ai colori delle spiagge di Ibiza e della natura. Per un metro di microfibra ecologica Dinamica® occorrono 300 grammi di polistirene recuperato, che corrispondono alla quantità utilizzata per produrre 20 bottiglie di plastica (bottiglie in PET). Non male, vero?

Accessori eco-friendly

Eco Bijoux

Ma non basta, perché dai rifiuti riciclati è possibile ricavare splendidi braccialetti con la carta, oppure collane con vecchie t-shirt tagliate e intrecciate, vecchie stoffe e bottoni (tutto EcoFriend).

Oppure, puoi scegliere i gioielli ECOS, che si definisce il primo brand ad aver inventato un gioiello ”eco” attraverso l’unione di metallo prezioso e legno, recuperando materiali provenienti da sfridi produttivi, per salvaguardare l’ambiente.

3. Cancelleria ecosostenibile

Sei appassionata di cancelleria e ami la carta? Di Verde Videndo è anche Sprout, la matita che, quando diventa corta, può dare vita a una piantina! All’estremità della matita c’è una capsula contenente semi di diverse piante. Quando sarà troppo corta, basterà piantarla e innaffiarla per far fiorire la tua piantina.

Per agende e simili, invece, puoi provare la Cartoleria ecologica o Arbos, la migliore cartoleria italiana eco-sostenibile, con taccuini, quaderni, agende e altri prodotti realizzati con un’attività di ricerca e collaborazione tra artigiani e designer in oltre 30 anni di attività.

Poi c’è la gamma di agende Quo Vadis, con fabbricazione in carta riciclata, e non solo: googlando è possibile trovare idee sempre nuove per rendere la propria scrivania più “eco-friendly”.

4. Scarpe vegan e dintorni

Beyond Skin nel 2013 ha lanciato la collezione di scarpe vegan in microfibra ecologica Dinamica® by Miko, proveniente dal riciclo delle bottiglie di plastica.

Accessori eco-friendly

Beyond Skin

Ma ci sono tantissimi marchi interamente green o che mettono a disposizione linee ecologiche per le shoes addicted: come Natural Shoes, che produce scarpe a prezzi convenienti con pellami lavorati in maniera naturale, senza l’utilizzo di coloranti e di additivi, o Veja, che contrasta la deforestazione in Amazzonia lavorando con un’associazione di raccoglitori di gomma, i seringeiros. C’è anche Hetty Rose, che riutilizza abiti dismessi e tessuti, come i vecchi kimono, trasformandoli in sandali ultrafemminili e a impatto zero, o Bella Storia, Organik, Fera Libens e l’italiano WooWe.

Oggi è più facile scegliere di proteggere l’ambiente: non hai che l’imbarazzo della scelta, anche se occorre sempre informarsi bene sulle modalità con cui i prodotti vengono realizzati e sul conseguente impatto per l’ecosistema.

5. Cappelli, berretti e non solo

Cominciamo con Fullgadgets, che mette a disposizione cappellini in cotone organico come gadget ecologici con logo personalizzabile: un’ottima idea per promuovere la propria attività. E poi Atelier Carlotta Sadino, con realizzazioni su misura in materiali 100 % naturali e tessuti riciclati.

Accessori eco-friendly

Atelier Carlotta Sadino

Oppure Vestire bio di Altramoda, l’abbigliamento per bambini prodotto artigianalmente in Europa con filati naturali da aziende come Pickapooh e Popolini, Reiff Strick e Bamboom, solo con materiali certificati biologici. Nello shop puoi trovare anche sciarpe, scaldacollo, guanti, bandane, fasce per capelli e scarpine in cotone biologico, bamboo, pile di lana biologica o lana cotta biologica.

6. Borse e cinture

Per orientarsi tra borse e cinture, iniziamo con un brand che crea borse italiane artigianali utilizzando materiali ecologici (sughero, ecopelle solvent-free, alcuni materiali naturali/sintetici riciclati e alcantara). Adelaide Carta produce Luxury Vegan Bags artigianali e 100% Made in Italy, affiancato da Belt Bag, che lavora per sostenere le categorie protette, e Joy Italia, la borsa che ti consente di sostituire la scocca, manico e parte interna quando si rovinano o vuoi cambiare colore.

Accessori eco-friendly

Adelaide Carta

Inoltre, il brand Miomojo è tra i più famosi e diffusi produttori di borse vegan italiane: il 10% dell’utile netto viene donato a progetti per la salvaguardia del mondo animale.

Per le cinture ecologiche, oltre alla già citata Altramoda, c’è Tie-Ups, con cinture per uomo e donna riciclabili al 100%, ovvero il brand Made in Italy che ha creato la prima cintura in bioplastica. Oppure la cintura tartan in pelle ecologica di Ralph Lauren,

Accessori eco-friendly

Ralph Lauren

7. Occhiali sostenibili

Sea2see è un esempio di come il materiale plastico recuperato dal mare può diventare fashion e di tendenza: occhiali da sole e da vista, per ripulire il mare dai rifiuti.

Occhiali

Sea2see

Source: Sea2see

Orlando Rey, invece, punta ad abbattere le emissioni di CO2 con la spedizione al consumatore senza intermediari (negozi, rappresentanti, rete trade), di fatto abbattendo i costi e rispettando i criteri di eticità del lavoro. Occhiali da sole di qualità straordinaria, a un prezzo davvero conveniente.

Se vuoi acquistare occhiali ecologici, in generale, puoi verificare che siano in metallo riciclato, mentre l’acetato è di derivazione naturale ma non biodegradabile. In ogni modello occorre cercare il giusto compromesso.

E tu, hai già cominciato a riempire l’armado di accessori eco? Un consiglio da tener presente è di non lasciarsi trascinare dalla tendenza a mostrare uno status, ma verificare sempre l’attendibilità del brand e la sua effettiva attenzione per l’ambiente. Per una moda sostenibile e a impatto zero!

Qual è la tua reazione?

emozionato
0
Felice
3
Amore
0
Non saprei
0
Divertente
1
Maria Cristina Folino
Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 collabora con stampa locale e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come giornalista e content creator. Impegnata con l'associazione Felix Cultura e altre no-profit, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie con Aletti Editore ("Ali di Gabbiano", Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 - "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda: seguila su @fashionreaders_books

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.