Home Spettacolo Libri Abel e le stelle: qualcosa scritto nell’universo

Abel e le stelle: qualcosa scritto nell’universo

Era di sabato. Abel odiava uscire di sabato sera. Troppa gente!” (Frase tratta dal romanzo).

Abel e le stelle scritto da Nazarena Saccone (una notevole scrittrice esordiente formatasi culturalmente a Napoli) è un romanzo che racconta di un ragazzo sentimentalmente insoddisfatto e depresso, nulla di ciò che lo circonda può regalargli delle soddisfazioni. Abel vive con i propri genitori e trascorre la sua esistenza ascoltando musica, fumando sigarette ed osservando il cielo notturno stellato con un binocolo. Gli anni passano e lui trova modo di riempire i suoi vuoti relazionali con una attività che ama, la gestione di un negozio discografico, di lì a poco conosce una ragazza, Lidia, e la sua vita sembra colorarsi in modo diverso, va a vivere con lei e trascorre momenti felici allietati dall’arrivo di una figlia, Luce. Abel sembra aver raggiunto il perfetto equilibrio e l’armonia nella sua esistenza, si sente responsabilizzato della crescita e dell’educazione di sua figlia, ma un evento drammatico ed improvviso spezza questo sottile filo generato nel tempo e tutto sembra tornare alle origini per Abel, rivivendo momenti di solitudine e di insoddisfazione. “Nonostante tutto qualcosa di nuovo sta per cambiare ancora una volta la sua vita”.

abel-e-le-stelle-nazarena-saccone

“Una storia da leggere tutta d’un fiato”.

Abel e le stelle è un romanzo intenso ed incisivo dal punto di vista umano, si presenta nel suo insieme come un’isola mentale intrisa di certezze e incertezze, elementi che accompagnano Abel durante il suo viaggio nel corso della sua esistenza alternando momenti di gioia ad altri tristi e spiacevoli attraverso un percorso che accomuna molte vite umane. Il romanzo risulta piacevole e scorrevole nella lettura ed è suddiviso in due piani descrittivi: la vita materiale di tutti i giorni divisa tra i vizi e virtù quotidiane di Abel e i suoi momenti personali e di contatto con l’infinito attraverso l’osservazione dell’universo stellato, qualcosa di immenso che spesse volte può dare un conforto o delle risposte personali. Nulla è destinato a perdurare nel tempo per Abel che quando sembra aver raggiunto la felicità, qualcosa si incrina inevitabilmente per poi spezzarsi. Abel deve quindi continuamente ridisegnare la sua esistenza continuando a cercare risposte nelle stelle, unico punto di riferimento condiviso con Lidia (la sua compagna) e Luce (sua figlia). Per Abel la felicità si rivela una pura illusione e un nuovo viaggio della vita lo attende alle porte, ma ogni componente della sua famiglia conserverà per sempre l’eredità da lui lasciata nei momenti condivisi.

Abel e le stelle è un romanzo straordinario che apre ad una riflessione sul senso della vita”.

nazarena-saccone

Dedichiamo una breve intervista conoscitiva all’Autrice del romanzo:

D. – Ciao Nazarena, raccontaci brevemente di te, su com’è nata la tua passione per la scrittura, e se ti sei ispirata nel tempo ad alcuni scrittori preferiti che attraverso i loro libri hanno alimentato la tua predisposizione naturale alla narrazione.

N.S. – Scrivere per me è qualcosa di innato, ho sempre avuto esigenza di esprimermi attraverso la scrittura e anche la pittura. Ho scelto studi che mi permettessero di avere strumenti per conoscere meglio la letteratura. E così ho provato ad avvicinarmi a questo mondo, osando, senza avere più paura, e ho scritto questo racconto. Non ho uno scrittore preferito, amo i classici, mi piace la scrittura scorrevole, sono attenta al linguaggio cinematografico, avendo avuto l’opportunità di studiare alcuni cineasti come Pasolini, Antonioni, Tarantino.

D. – In fondo, tutti le persone, come il protagonista del romanzo Abel, sono alla continua ricerca di un equilibrio esistenziale, spesso difficile da trovare nell’arco di una vita, tu sembri conoscere bene Abel, raccontaci com’è nata l’idea di un personaggio forte e fragile allo stesso tempo intorno a cui rotea l’intera storia.

N.S. – Volevo provare a raccontare con gli occhi di un “ragazzo”. Mi sembrava interessante raccontare elementi della quotidianità come le abitudini, i momenti intimi, le sofferenze, che in realtà ci contraddistinguono, sono essenziali e ci rendono uguali agli altri. Per Abel ho attinto da personaggi reali, persone che ho osservato per poi poter ricamare su una storia.

D. – Nella narrazione sei molto descrittiva ed attenta ai minimi dettagli, quasi come se tu avessi delle visioni ad occhi aperti un pò come una pittrice che si preoccupa della sua opera in fase realizzativa, questa è una tua caratteristica? Fa parte di un tuo stile personale?

N.S. – Grazie per il paragone con la pittura. I personaggi sono dello scrittore, quindi per me il dettaglio è automatico. Probabilmente perché immagino delle scene cinematografiche. Credo che il dettaglio sia fondamentale per rendere chi legge ancora più coinvolto nella storia!

D. – Nazarena hai dei progetti futuri nel cassetto? Un nuovo romanzo o un’idea abbozzata?

N.S. – Avendo avuto riscontri positivi, sono sicuramente più incentivata ad andare avanti e pensare di scrivere e ripropormi ancora con nuove idee!

Il romanzo Abel e le stelle edito da “LFA Publisher” (www.lfapublisher.com) è acquistabile in versione cartacea nelle librerie e on-line sul sito www.ibs.it .

Ringraziamo Nazarena per averci concesso quest’intervista e dato modo di conoscere il suo profondo e intenso romanzo “Abel e le stelle”, credo da dedicare a tutti coloro che reagiscono in modo positivo alla vita rinnovandosi e cercando di superare ogni ostacolo che gli si presenta dinanzi. Auguriamo all’autrice partenopea altri mille romanzi di successo da scrivere e da pubblicare negli anni a venire.

Antonio Gentile

Articolo precedenteA Belgrado la 24 Hours of Elegance
Articolo successivoIl Viaggio di Mauro Zucchi
Nato a Napoli e di origini irpine, Antonio dopo una formazione universitaria presso la facoltà di Lettere e Filosofia “Federico II di Napoli” consegue il titolo accademico delle Belle Arti di Napoli, specializzandosi inoltre nel marketing, nel turismo e nell'informatica e lavorando come grafico e scenografo presso teatri e strutture turistiche ma coltivando da sempre l’interesse per il cinema e la scrittura (sceneggiature, racconti ed articoli). Antonio è, inoltre, autore di numerosi soggetti e sceneggiature per film, recensioni cinematografiche, interviste e conferenze stampa a registi ed attori e approfondimenti per film in uscita pubblicati sui Magazine e testate giornalistiche on-line. Da sempre scrivo soprattutto per informare, coinvolgere ed incuriosire tutti su tutto ciò che ci accade intorno!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.