Home / Moda / Moda Donna / “Nomadi orizzonti” di Pomandère ci trasporta in Mongolia
Pomandère

“Nomadi orizzonti” di Pomandère ci trasporta in Mongolia

La collezione A-W 2019-20 di Pomandère ci accompagna, attraverso un viaggio itinerante e magnetico, in Mongolia, per scoprire gli orizzonti della terra della cultura nomade.

Un viaggio cromatico che veste la collezione di nuovi colori tra le molteplici tonalità di verde delle ampie steppe, l’azzurro inteso del cielo e il bianco corda delle yurte, abitazioni mobili come i loro abitanti, sempre alla ricerca di nuovi territori da esplorare. Orizzonti nomadi che raccontano l’universo di una donna che ricerca sè stessa in una dimensione sempre diversa, senza porre mai radici.

Una donna innamorata delle proprie emozioni, che non ha paura di ascoltarle e di farsi guidare dal proprio istinto per esprimere liberamente la sua femminilità, ricercata e pura.

Soffici e morbide lane mohair, lane cotte, panni e bouclè di lana, velluti con ricami trapuntati proposti in colori intensi e in texture dalla forte identità sono i protagonisti caldi ed avvolgenti della collezione, come le stuoie colorate e i tappeti di feltro di lana di pecora che portano calore nelle abitazioni mongole.

Cupro, habutai di seta, lurex e paillettes esplorano nuovi volumi in uno slancio verso la contemporaneità, con forme fluide ed asciutte.

La palette cromatica scelta per la collezione A-W 19 si divide in quattro differenti gruppi di colori, coordinati tra loro a comporre un’unica proposta tonale carica di fascino e personalità: la prima macchia sceglie le cromie delle steppe, facendo primeggiare i toni della yurta, del ginseng, dell’oliva, della neve, del giallo Mongolia e dell’oro steppa. Il secondo gruppo riprende i colori del deserto come il flamingo, la terracotta, la stampa fiore del deserto, il goji, il latte e il deserto.

La terza proposta cromatica sceglie i colori piu polverosi come genziana, navy, lavagna, vulcano, argento ghiacchio, liquirizia, muschio e verde bottiglia. L’ultimo gruppo esalta la vivacità del cipria, phard, rabarbaro, ametista e mosto per un look allegro e sofisticato.

La precisione e la sartorialità dei tagli vengono affiancate da lavorazioni esclusive, come i fiori agugliati che reinterpretano con modernità i fiori della steppa sui cappelli in feltro e le maglie morbide in lana lino. Gli inserti di pizzo su garze di cotone lana, i contrasti di seta su flanelle lavate, i check e i velluti millerighe e lisci in colori vivaci e accesi interpretano una femminilità forte ed intensa.

La capsule lingerie in raso di seta e il progetto “denim” 5 tasche proposti in una ricca palette cromatica rinnovano e impreziosiscono la collezione.

Le morbide sciarpe, i cappelli con dettagli preziosi, le borse a secchiello, le bustine con anello metallico che diventano astuccio e le scarpe ciabbatta in velluto trapuntato, pelle metallizata e suede dai toni della collezione, completano i look proposti per una donna che cela un’anima libera e talvolta irriverente.

www.pomandere.com

About Marina Greggio

Innamorata delle lingue, che studio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Colleziono instancabilmente vestiti e viaggi. Milano e Londra sono le mie due case, i due posti in cui il mio cuore si divide.

Check Also

Jill Megan Kortleve e la rivoluzione H&M

Non più solo taglie extrasmall per H&M. Il posto lanciato su Instagram che ritrae la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.