Home / Regioni / Basilicata / Dalla comicità di Made in Sud all’arguzia di Tre Amici al Bar, torna la Pro Loco di Venosa
tre amici al bar,venosa

Dalla comicità di Made in Sud all’arguzia di Tre Amici al Bar, torna la Pro Loco di Venosa

Dopo il successo del duo comico Arteteca, giunti a Venosa direttamente da Made Sud, il 19 agosto arriva nella cittadina oraziana un altro evento molto atteso. Dopo alcuni anni di meditato silenzio, la Pro Loco Venusia, assieme alla suddetta cooperativa, si è rimessa in gioco, occupandosi della parte logistica ed organizzativa della serata del 19 agosto, con il patrocinio del Comune di Venosa. “Tre amici al bar… scusate il ritorno” è una sorta di ritrovo tra persone che parlano la stessa lingua e vivono la stessa quotidianità  e che pur con abitudini differenti sono accomunati da interessi affini e dall’amore per Venosa. Tre amici, Vincenzo Pellegrino, Carmine Maino (che recita poesie in vernacolo venosino) e Antonio (detto Tonino Pagnotta) si riuniscono attorno ad un tavolo e, chiacchierando del più e del meno, iniziano a raccontare aneddoti e leggende “metropolitane” di una comunità dove tutti si conoscono reciprocamente.

Attraverso il racconto dei riti giornalieri di alcune famiglie e dei loro totem, si arriva a cementare una grande empatia con il pubblico, anche grazie alla partecipazione straordinaria di alcuni personaggi noti nella comunità locale, come Zèja Marlette, Sandro Brunetti e del gruppo musicale Jet Set, con Antonio Giambitti, alla batteria, Marco Viglione, al basso, Carmine Dinapoli, al basso, Giovanni Lentini, alla chitarra elettrica, Fabio Gammone, alla chitarra acustica, e alla voce Antonio Conte e Titta Schirò.

Dopo il successo del 2012 il trio locale, molto acclarato anche fuori dai confini territoriali, si riunisce per far divertire il pubblico con sketch goliardici su alcune “maschere” venosine.  “Lo spettacolo torna a Venosa al Castello Pirro del Balzo dopo che per ben due volte, la prima sempre nell’atrio del castello, la seconda al Cinema Teatro Lovaglio, aveva fatto registrare il tutto esaurito.  Ed ora, dopo essersi esibiti in Italia, in Svizzera e in Germania, e aver realizzato un DVD tornano con uno spettacolo rinnovato e aggiornato” dice il presidente della Pro Loco Michele Duino, coordinatore della parte tecnica e scenografica dell’evento, assieme alla Cooperativa  sociale Il Gufo, a cui partecipano numerose leve della nuova generazione venosina” commenta il presidente della Pro Loco Michele Duino.

“Tre amici al bar…scusate il ritorno” rientra nella programmazione dell’estate oraziana ed è patrocinato dal Comune di Venosa, come lo è stata anche l’altra chicca di questa stagione, l’esibizione del duo comico Arteteca, direttamente da Made In Sud. “L’evento è stato organizzato in meno di venti giorni, con 800 posti a sedere” precisa Duino. “C’è stato il sold out dei biglietti venduti. Ho pensato inoltre di aprire anche una finestra ad alcuni artisti locali, come Miriam e Lorella Falcone, coinvolgendo anche due corpi di ballo: Basilicata ArteDanza e Giselle Danza” chiosa il presidente.

Quel che colpisce nella comunità oraziana è il ritorno in campo della Pro Loco Venusia che, pur continuando a lavorare in silenzio,  in modo più defilato rispetto al passato dietro le quinte si è riorganizzata ed ora è pronta a tornare in campo, anche per gli anni futuri. E’ la stessa Pro Loco il cui presidente, Michele Duino, negli anni scorsi ha portato nella patria di Orazio, in occasione della Festa Patronale,  artisti del calibro di Renzo Arbore, Gigi D’Alessio, i Pooh, per ben due volte Katia Ricciarelli,  e diversi anni prima i Battia Bazar e Loredana Bertè. La stessa che organizzato le Notti Bianche con passerelle di artisti del fashion e dello show business, come Fabrizio Corona e Lele Mora, Loredana Lecciso, dando però anche spazio a gruppi, scuole di danza ed artisti locali.

Michele Duino, presidente della Pro Loco Venusia e Renzo Arbore

Negli ultimi anni l’interesse si è spostato dallo star system all’impegno civico, organizzando importanti convegni ed importanti presentazioni di libri con esperti del mondo giuridico, politico ed ecclesiastico, chiamati a discutere su argomenti molto delicati. Dalla questione petrolifera in Basilicata all’inquinamento di Fenice, l’impianto di compostaggio di San Nicola di Melfi, fino a simposi dedicati al tema della legalità e della corruzione in Italia, con il rilascio dei crediti formativi per gli avvocati, si sono così realizzata occasioni di incontro e di dibattito con il pubblico in sala e con l’opinione pubblica, smuovendo le acque di una Basilicata e di uno Stato italiano avvolto nella poca trasparenza amministrativa.

Ed ora la Pro Loco Venusia riparte alla grande, garantendo nei prossimi giorni , e anche nei prossimi mesi, altre novità e sorprese. A partire dalla consueta Festa della Pizza, che vedrà, dal 22 al 24 agosto, Michele Leo,  pluridecorato Campione Mondiale della Pizza, protagonista della parte ristorativa, facendo gustare le sue prelibate creazioni, mentre la parte degli spettacoli sarà curata dalla Pro Loco Venusia, assieme alla Cooperativa “Il Gufo”.

il venosino Michele Leo, campione mondiale della pizza

Il programma prevede il 22 agosto Micky Sepelone e Angela Piaf cantano “Renzo Arbore e l’Orchestra Italiana”, il 23 agosto arriva la comicità psichedelica di “The Hypnotical Cabaret” di Rocco Borsalino, protagonista di Zelig.

La serata del 24 sarà allietata dall’esibizione del trio “La Ricotta” (24 agosto) che  con orgoglio lucano sta facendo strada nel panorama nazionale della comicità televisiva, radiofonica, teatrale. Hanno debuttato a Zelig nel 2008 e Made In Sud nel 2012. Il loro percorso artistico è stato corredato di importanti presenze in programmi radiofonici come Ottovolante (Radio2 Rai) e Isoradio (Radio Rai). Sono approdati al cinema nel 2014 film “La Grande Seduzione” del regista Massimo Gaudioso, con Fabio Volo e Miriam Leone, e prima ancora, nel 2005, con una produzione tutta lucana, “Non vi sedete troppo” con la regia di Giampiero Francese. A seguire il gruppo locale Insomnia con tutte le migliori hit, anni ’70, ’80 e ’90.

Marianna Gianna Ferrenti

Di Marianna Gianna Ferrenti

Sono una giornalista pubblicista lucana. Dopo alcune esperienze sul territorio, ho allargato gli orizzonti, affacciandomi nel 2012 al mondo del social journalism. Laureata magistrale in Scienze filosofiche e della comunicazione, dopo un corso di Alta Formazione in Graphic Design ed Editoria digitale, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, ho arricchito il mio background con competenze tecniche nell’ambito della scrittura digitale

Leggi anche

Lou Doillon

& Other stories, Lou Doillon testimonial della “Celebration collection”

La modella, attrice, e cantante Lou Doillon, figlia di Jane Birkin e del regista francese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.