Home Spettacolo Arte Le geometrie dell’arte

Le geometrie dell’arte

“L’universo è un libro scritto in lingua matematica e i caratteri sono triangoli, cerchi ed altre figure geometriche senza i quali mezzi è impossibile a intenderne umanamente parola”.

In questa frase di Galileo Galilei emerge la costante presenza della geometria in ogni realtà materiale che ci circonda, in un equilibrio di perfezione, di bellezza che trova espressione anche nell’arte.

Leonardo Tanda

Le geometrie della natura, a volte espresse in elementi frattali ma spesso omogenee nelle loro simmetrie imperfette il cui risultato va oltre la perfezione; gli elementi si fondono in un unico risultato scindibile in infiniti modi, nella natura come nell’arte.

Giochi di luce, in un’arte analitica e colori coesistono con le linee dando maggior risalto alle forme immerse in un contorno apparentemente caotico come nelle opere di Leonardo Tanda dove geometrie e simmetrie imperfette, unite da molteplici tonalità, si fondono in un tutto unico che lascia spazio all’interpretazione di chi osserva con occhi diversi forme che cambiano e si combinano in svariate figure, in prospettive ricche di particolari e diverse associazioni.

Leonardo Tanda

Arte come espressione di ciò che è bello, rappresentazione di pensieri in immagini che sono il prodotto di un insieme di simmetrie volutamente e sapientemente imperfette “la bellezza legata alla simmetria come espressione di perfezione”.

Leonardo Tanda

Come nei dipinti, anche nelle sculture, Leonardo Tanda unisce geometria a simmetrie imperfette in cui i tratti regolari lasciano spazio a tratti enfatizzati che richiamano l’attenzione verso ciò che l’artista vuole comunicare, bellezza e emozioni.

Daniela Marras

Articolo precedenteBalossa: collezione Spring Summer 2017
Articolo successivoAltaRoma 2016: eleganza e storia all’Ex Dogana
Daniela Marras è nata in Sicilia ma vive da sempre a Cagliari dove si occupa di formazione. Laureata presso l’Università di Cagliari in biologia, è da sempre appassionata a tutto ciò che è scientifico, dalla matematica alle materie inerenti alla propria formazione, incentrata soprattutto sulla genetica. Ha svolto per anni attività di analisi di laboratorio in vari ambiti; presso l’Università Cattolica si è occupata di chimica e genetica umana, creando le basi per le successive attività. Ha compiuto studi sulla salubrità delle acque potabili sia dal punto di vista chimico che batteriologico. Si interessa di tutto ciò che è estetica, cercando metodi naturali ed anche valutando ciò che il mercato offre per venire incontro alle esigenze, in particolare delle donne. Ha cercato di sfruttare le proprie conoscenze per stabilire quelli che possono essere i metodi di miglioramento dell’estetica, metodi che si basano sulla salvaguardia del benessere interiore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.