Home / Viaggi / Hotel & Resort / Das Stue, le due facce di Berlino

Das Stue, le due facce di Berlino

Das Stue era un tempo l’ambasciata danese. Poi, un giorno, la designer Patricia Urquiola visita il palazzo e dalle vetrate ammira lo Zoo di Berlino e i suoi eleganti struzzi.

Nasce così l’idea di un hotel di lusso (dotato di ristorante, bar e spa) elegantemente a cavallo fra il neo-classico e il calore del design contemporaneo.

Da un edificio del 1939 di Emil Schaudt, lo studio catalano LVG Arquitectura e quello tedesco Axthelm, diretti dalla Urquiola, hanno preservato il carattere austero e monumentale dell’architetture originale, aggiungendo brio e intimità al suo interno.

Lo stile retro sposa tappeti sgargianti, la texture antiche contrastano con le superfici patinate, mentre pavimentazioni vissute e opache incontrano le vaste vetrate, elemento centrale degli interni che dialoga con il centro vibrante di Berlino.

tel: +49 30 311 722-0
[codepeople-post-map]

About Redazione

Alpi Fashion Magazine è una testata giornalistica che tratta argomenti di moda,arte nuovi stili, eventi, talenti e mode contemporanee. Il suo obiettivo è quello di rendere il mondo della moda multimediale e accessibile. Testata giornalistica Autorizzazione Tribunale di Cagliari – Numero ruolo: 02/16 del 12/04/2016

Check Also

CloudBnB

CloudBnB, la “nuvola” che rende la gestione alberghiera accessibile a tutti

Nasce CloudBnB, un sistema integrato che aiuta i gestori di strutture alberghiere a lavorare senza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.