Home / Moda / Moda Uomo / Abbigliamento Uomo / Prospettive per sostenere il Made in Italy
made in italy

Prospettive per sostenere il Made in Italy

Con la formazione del nuovo governo, resta di base una sola e solida speranza di sostentamento per il Made in Italy in Italia. Un impegno ed una speranza viva da sempre.

Lo scorso 17 maggio arriva dal sistema Moda un nuovo appello per il governo che sottolinea l’importanza del settore, il cui valore si aggira intorno ai 54,1 miliardi di euro con un +2,4 rispetto al 2016. Dati già esposti durante la presentazione della prossima edizione Moda Uomo Pitti in programma dal 12 al 15 giugno 2018 a Firenze.

Il progetto Made in Italy, che gode del sostegno del Mise e dell’Ice, ha avuto e ha un impatto importantissimo sulle attività fieristiche in Italia. L’auspicio è che il nuovo governo lo confermi e che anzi lo implementi“, ha detto Raffaello Napoleone, amministratore delegato di Pitti Immagine.

Parole importanti che hanno avuto seguito con il discorso di Claudio Marenzi presidente di Pitti Immagine e Confindustria Moda durante l’inaugurazione della sede a Milano in zona Sempione.

La speranza comune è che il nuovo governo riesca a mantenere i prodotti ed i benefici che il sistema Moda ha raggiunto fino ad oggi.

Durante gli ultimi anni infatti la fiera dsi settore è stata molto salvaguardata dai progetti moda tanto che per il prossimo Pitti Uomo di Giungo per la presentazione PE 19 e per l’edizione Invernale sono stati stanziati fondi pari a 2 milioni e 250,000 euro per l’arrivo di buyer e stampa mondiale

L’auspicio principale è salvaguardare il Made in Italy, e progredire perché forte potenza economica del nostro paese.

Laura Savini

About Laura Savini

Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

Check Also

GHD,glass hair

GHD scaglia il trend alert dell’autunno: Glass Hair

Glass Hair è il nuovo trend di tendenza per i vostri capelli. Secondo GHD, la famosa …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.