Home / Notizie / Lo “Smartphone che pensa insieme a te”. La nuova frontiera dell’intelligenza artificiale
Smartphone

Lo “Smartphone che pensa insieme a te”. La nuova frontiera dell’intelligenza artificiale

È iniziato un nuovo anno e il mondo si avvia verso un nuovo traguardo: dalla cybernetica alla robotica, l’intelligenza artificiale è a prova di smartphone, non più soltanto multifunzionali ma in dialogo di interfacciarsi con gli utenti,  instaurando quasi una forma di dialogo interattivo con le persone. Ci eravamo abituati ai cellulari che non servono più solo per telefonare ma per connettersi h24 con il mondo intero, di cui siamo autori, protagonisti, ma anche “schiavi” imprescindibili: governatori e governati da una tecnologia che galoppa velocemente e che nel 2018 metterà ulteriormente alla prova le nostre facoltà. Il “cellulare pensa insieme a te” questo è il titolo dello spot pubblicitario che negli ultimi mesi sta spadroneggiando anche in Italia sulle tv commerciali.

Dotati di microship sensoriali che acconsentono il riconoscimento facciale e della voce umana, come il Huawei Mate 10 e Mate 10 Pro, gli Smartphone del futuro saranno sempre più “intelligenti”, potenti, veloci, sia in termini di connettività che di elaborazione dei dati.

Smartphone
Huawei MAT 10 PRO

Da diversi anni, Huawei ha perfezionato la propria tecnologia, al punto che rischia davvero di superare il colosso Samsung che per anni, dopo Apple, ha detenuto il primato nella evoluzione dei dispositivi digitali. Un fatto è certo: ancora una volta la Cina e più in generale i paesi asiatici sono all’apice delle tecnologie più all’avanguardia. Fondata nel lontano 1987, finalmente Huawei sta decollando e dopo anni di brevetti (50.000 solo nel 2015) finalmente è in grado di tentare il sorpasso nei confronti della concorrenza, tenendo conto che ogni anno “investe il 10% del proprio fatturato in ricerca e sviluppo” (fonte: Peter Griffin, China’s technological challenger The New Zealand Herald, 2007, il 14 maggio 2010) ed attualmente “opera con 180.000 dipendenti attraverso tre divisioni: Carrier, Enterprise e Consumer” (fonte Wikipedia).

Il nuovo Huawei sarà avrà una grafica vettoriale e una risoluzione molto più sofisticata; uno schermo luminoso e una interfaccia particolarmente sensibile ai comandi visivi, oltre che tattili e vocali, che darà un feedback immediato. Da oggi lo smartphone “intelligente” sarà persino in grado di rispondere ai comandi, con una serie di funzionalità multitasking tra cui rientra il riconoscimento dell’identità del suo possessore attraverso la scansione delle “orme” digitali, quelle lasciate dalle dita sullo screen. Una novità a prova di antifurto, che è stata elaborata dal sistema Android anche per gli I-Phone di ultimissima generazione.

Marianna Gianna Ferrenti

About Marianna Gianna Ferrenti

Sono una giornalista pubblicista lucana. Dopo alcune esperienze sul territorio, ho allargato gli orizzonti, affacciandomi nel 2012 al mondo del social journalism. Laureata magistrale in Scienze filosofiche e della comunicazione, dopo un corso di Alta Formazione in Graphic Design ed Editoria digitale, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, ho arricchito il mio background con competenze tecniche nell'ambito della scrittura digitale

Check Also

giorgio armani

Giorgio Armani successo a Parigi per la linea Privé

Ricerca e selezione, alta moda dettata da un tocco eccentrico ma pur sempre di spiccata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.