Affittare i capi che sfilano in passerella per 30 giorni? Oggi si può grazie ad un’idea nata negli USA da una società per risolvere il problema di molte donne che al primo appuntamento, colloquio di lavoro, festa, matrimonio non riesce mai a scegliere il modello di abito giusto e soprattutto accessibile.

Comprare vestiti ogni stagione e riporli dopo qualche tempo in un angolo del guardaroba, oggi è risolvibile e lo spreco quotidiano risulta essere sempre minore grazie a questa nuova ed intraprendente iniziativa.

rent the runway

Rent the Runway, ritiene infatti che i consumatori di oggi non hanno la necessità di possedere i propri abiti, come invece avveniva nel passato, così come dimostra anche il fatto che non hanno più bisogno di acquistare film di pellicola, basti pensare a Netflix.

Sfidando la linea di successo di Zara ed H&M, Rent the Runway propone un nuovo modo di fare shopping: noleggiare abiti, accessori  grazie ad un abbonamneot di 89 dollari mensili.

L’abbonamento comprende il noleggio di 4 abiti per 30 giorni mensili, inclusi abiti, accessori e scarpe. I capi selezionati verranno consegnati direttamente a casa del noleggiatore, puliti ed etichettati in modo che al termine del noleggio gli stessi verranno riconsegnati senza spese aggiuntive.

rent the runway

Potrà essere un nuovo modo per sottrarre clienti ai colossi del fashion system?

Chissà, sicuramente l’iniziativa ha preso piede e continuerà  crescere grazie alle seguaci femminili che continuare ad indossare abiti costosi a basso costo e senza disagi.

https://www.renttherunway.com/

Laura Savini

Articolo precedenteKarlie Kloss, regina di Instagram “vampy” della settimana
Articolo successivoGucci, svolta fur-free nel mondo del Fashion verso la Generazione Y
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.