Falconeri punta alla rigenerazione del Cashmere virando verso la sostenibilità.

L’abitudine di gettar via un capo rovinato, usurato, vecchio, inutilizzato è stato superato col tempo. Oggi il fashion system si sta attivando per trasformare il sistema in ecosostenibilità. Da qui nasce il progetto Regeneration firmato Falconeri in cui protagonista è sempre il cashmere rigenerato questa volta.

Un nuovo passo in avanti dove vecchi capi vengono riutilizzati nel creare dei nuovi elementi come ad esempio la realizzazione di una coperta speciale nata in partnership con Millefili Spa. Un progetto di raccolta e rigenerazione che premia un accessorio simbolico. La coperta è infatti simbolo di accoglienza, unione. Millefili Spa, partner d’eccezione, è infatti specializzata nei filati cardati etici ed interamente prodotti in Italia. Il prodotto verrà venduto da novembre nelle varianti tortora e beige ed n versione limitata.

Fino al 31 ottobre tutti coloro che sono infatti iscritti al programma Falconeri Club infatti potranno raccogliere i loro vecchi capi in cashmere e portarti negli store del marchio in Italia e nel mondo.

La raccolta verrà effettuata attraverso la suddivisione dei capi usati ricevuti: total cashmere e misto. Per ogni capo che si consegna è possibile ricevere un buono sconto da 15 a 30 euro cumulabile e utilizzabile entro il 30 novembre 2019.

Laura Savini

Articolo precedenteModa 2019/20, i fiori invernali come in un dipinto di van Vogelaer
Articolo successivoSmall bag, irresistibile per il prossimo AI 19/20
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.