Da poco concluso ma pur sempre chiacchierato.

L’evento più ambito per la consegna degli Oscar diventa sempre un palcoscenico del fashion dove si alternano bellezze e stili inconfondibili.

L’elogio della semplicità ma non per tutti per l’edizione 2017: eleganza low profile per molte dive presenti all’evento.

Misura e classe  le parole chiave della serata. Pochi i colpi di testa, quasi assenti le bizzarrie, molti gli abiti chic nell’accezione più classica e a volte scolastica del termine.

Un’ondata di bianco si è abbattuta sul rosso del tappeto di Losa Angeles. In total white Naomie Harris, la strepitosa Isabelle Huppert e Karlie Kloss.

Al bianco fa sempre da contraltare il nero, presente anch’esso sul Red Carpet.

In nero la notevolissima Kirsten Dunst, Brie Larson e Taraji P. Henson, forse la più sexy della serata.

Terzo ma non per importanza il colore oro.

 

Brillano preziose e luminose Emma Stone, Jessica Biel (in mood regina d’Egitto) e Nicole Kidman, sul cui corpo si accendono preziosi ricami scintillanti che sembrano intessuti direttamente sulla sua pelle. Gold è anche l’abito anni Quaranta di Dakota Johnson.

Emma Stone

L’imbarazzo di abiti identici, fortunatamente, è stato sorpassato.

Ma vestiti pericolosamente simili si sono visti. E il paragone tra i due è scattato immediato. In pizzo rosso Ruth Negga e Ginnifer Goodwin. In scollatissimo top nero e gonna bianca Emma Roberts e Michelle Williams. In sensuale pizzo nero Salma Hayek e Alicia Vikander.

Laura Savini

Articolo precedenteElisabetta Franchi omaggia Evita Peron
Articolo successivoOpen Your Art a Milano apre le porte al design e alla creatività
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.