Home Moda Uomo Abbigliamento Uomo La multigenerazione di Paul Andrew debutta a Firenze

La multigenerazione di Paul Andrew debutta a Firenze

Debutta in grande stile Paul Andrew in Piazza della Signoria a Firenze, presentando un casting di volti noti e non solo per la sua prima collezione in Salvatore Ferragamo.

Il menswear pe 2020 della maison è multiculture e copre diverse generazioni.

In passerella un casting d’eccezione con volti noti tra cui: Hero Fiennes-Tiffin, Josh Lucas, il Chairman di Sotheby’s Michael Berger-Sandhofer e l’art director e designer Peter Saville in parallelo a volti moderni mirato a ricoprire un range di età che spazia dai 17 ai 70 anni.

L’uomo Ferragamo, spiega lo stilista, è un uomo che sogna, lotta ed ama.

Il codice stilistico della collezione meanswear abbraccia uno stile fresco, giovanile.

Il parka sostituisce il classico blazer, il jeans a cinque tasche cambia tessuto e diventa in pelle presentato con la variante della gamba larga. Il pantalone maschile mira ad essere più comodo. Paul Andrew non segue la corrente giovane ma vuole riproporre il “giovane attraverso un uomo maturo e attraverso gli abiti che lui stesso indossa”.

La giacca sartoriale non sparisce ma viene reinterpretata in chiave sportiva, più accessibile e vestibile.

Una nuova reinterpretazione del marchio in generale lontano dalle rigide regole di stile. Non solo pelle per Ferragamo, ma anche nappa e jersey di cotone, gabardine in lino, mohair di lana, camoscio e pelle di cervo. Attenta ricerca e selezione di materiali pregiati.

Paul Andrew unisce hig-tech e high-craft attraverso la sneaker in pelle, espadrillas con zeppa e sandalo intercambiabile nato dall’ispirazione del modello Kimo, realizzando dallo stesso Salvatore Ferragamo dopo un suo viaggio in Giappone negli anni 50.

Laura Savini

Articolo precedenteSerenity, in arrivo nei cinema il nuovo thriller con una bionda Hathaway
Articolo successivoMoët & Chandon Grand Day a Radio Roof Top a Milano
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.