Home / Spettacolo / Cinema / Mission: Impossible 6, dal roof all’Halo jump senza precedenti per un attore
Mission: Impossible 6

Mission: Impossible 6, dal roof all’Halo jump senza precedenti per un attore

Mancano poco più di due mesi ormai all’uscita nelle nostre sale di Mission:Impossible-Fallout, prevista per il 30 agosto. Pellicola diretta da Christopher McQuarrie che segue l’agente segreto Ethan Hunt (Tom Cruise) in una nuova straordinaria corsa contro il tempo.

Cruise ha pubblicato su Instagram un suo reale stunt sui tetti tratto dal sesto episodio della saga

That impact? No joke. #MissionImpossible

A post shared by Tom Cruise (@tomcruise) on

Fonte Instagram@tomcruise

Pieno allenamento di un anno per Tom Cruise per girare le acrobazie più spettacolari e pericolose di questo sesto episodio della saga Mission: Impossible. Perché, com’è noto, la stella dell’action cerca di ridurre, il più possibile nei suoi film, il ricorso a controfigure o alle immagini generate al computer. In Mission:Impossible-Fallout il divo di Hollywood stupirà i suoi fan e il pubblico con nuove acrobazie à bout de souffle, avvezzo com’è a restare appeso per la punta delle dita nelle sue “passeggiate” sui tetti. Proprio qualche giorno fa l’attore ha pubblicato un nuovo inedito video relativo a uno stunt in Mission: Impossible-Fallout accompagnato dalla scritta “That impact? No joke. (Quell’impatto? Nessuno scherzo). Nessuno scherzo perché si tratta di una vera acrobazia dell’attore. Un “roof jump” (salto sul tetto) avvenuto all’altezza di 70.1 m e a una distanza di 9.92 m.

L’acrobazia più estrema: il pericoloso e spettacolare salto “Halo”

Over 100 jumps – we got it.

A post shared by Tom Cruise (@tomcruise) on

Fonte Instagram @tomcruise

Ma la scena più estrema del film è quella  in cui Cruise si lancia da un aereo A 380. Esegue un salto “halo”. Tecnica adottata dai corpi speciali per infiltrarsi in zone nemiche senza essere avvistati. Ci è voluto un anno di allenamento per realizzare questo volo all’esterno dell’aereo in decollo. Una scena spettacolare e pericolosa. Il salto “Halo” di Cruise è avvenuto a 10 chilometri di altezza e con basso livello di ossigeno. L’attore americano si è lasciato cadere fino a 300 metri di altitudine prima di aprire il paracadute. Un simile stunt non era stato mai eseguito da un attore prima d’ora. Inoltre, il plot voleva che avvenisse al tramonto. Ciò ha significato un margine di tempo giornaliero di 3 minuti per filmarlo.

Un assaggio di ciò che ci aspetterà in “Top Gun: Maverick”?

Dopo sei episodi della saga siamo abituati a vedere Cruise appeso per la punta delle dita. E non ci aspettiamo certo che cada nel vuoto! Quello che succederà in Mission:Impossible-Fallout sarà forse solo un assaggio di ciò che ci aspetterà nel sequel di Top Gun…

Valeria Gennaro

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

premio mimmo castellano

Premio Mimmo Castellano 2018, qualche anticipazione

Torna il Premio Mimmo Castellano, prestigioso riconoscimento promosso dall’AssoStampa Campania Valle del Sarno Manca poco …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.