Home / Regioni / Basilicata / MaTerre, al via le riprese a Matera di un film di poesia che coinvolgerà registi e poeti di diverse città europee
MaTerre

MaTerre, al via le riprese a Matera di un film di poesia che coinvolgerà registi e poeti di diverse città europee

La Città dei Sassi ospiterà fino al 2 maggio cinque coppie di artisti provenienti da città europee

Fonte Instagram @MaTerre2019

La terra, la libertà e la cittadinanza attiva europea in un film di poesia in cinque episodi in realtà immersiva a 360 gradi”. MaTerre, come si legge in un comunicato, è ispirato a “La mia bella patria”, poesia di Rocco Scotellaro.E verrà girato tra le Chiese Rupestri della Città dei Sassi, fra il 18 aprile e il 2 maggio, da cinque coppie di artisti (un regista e un poeta) provenienti da città diverse dell’Europa Mediterranea.La residenza artistica porterà i giovani autori a vivere intensamente la Capitale della Cultura.

MaTerre, non solo un film, ma un progetto editoriale diffuso che coinvolge gli intellettuali sul tema dell’identità contemporanea

MaTerre – si ricorda – è uno dei progetti della Fondazione Matera-Basilicata 2019. Coprodotto da Rete Cinema Basilicata e cofinanziato dalla Lucana Film Commission in collaborazione con numerosi partner locali, nazionali ed internazionali). Sostenuto inoltre da Banca Etica e dal fondo etico di Bcc Basilicata, i cui direttori artistici sono Antonello Faretta (regista e produttore).Lello Voce (poeta e performer).Paolo Heritier (filosofo e giurista, docente all’Università di Torino e Nizza). Non è solo un film. Ma anche un progetto editoriale diffuso, che vede il coinvolgimento di molti intellettuali di discipline diverse in un dibattito sul tema dell’identità contemporanea.

Faretta: “Un progetto capace di far sposare cinema e poesia in modo affascinante”

“Un progetto illuminato – spiega Antonello Faretta -con un’anima di contenuti molto profondi che ha la capacità di unire tradizioni e nuove tecnologie. E di far sposare poesia e cinema in un modo affascinante. È un progetto ecosostenibile perché viene girato con action cam all’avanguardia, senza set o trasporti e sempre alla luce naturale. Sarà un film collettivo, in realtà immersiva a 360°, con dieci autori che parteciperanno alla residenza. Tutti i pomeriggi le porte saranno aperte al pubblico per condividere con tutta la cittadinanza le riflessioni sull’identità cinematografica”.  Seguendo invece Lello Voce: “I poeti invitati sono tutti protagonisti della scena europea dello spoken word. Per loro la poesia abita nella voce e nel corpo del poeta e può esplorare ogni media. Fanno una cosa antichissima e futura: agiscono la loro poesia attraverso il respiro e il gesto. Ci ricordano che la poesia, come diceva il trovatore Raimbaut D’aurenga è il fiore inverso. L’unico a sbocciare con le radici rivolte verso il cielo. Da Matera verso ogni parte del mondo”.

Leporace: “Un progetto che rende attuale Rocco Scotellaro e che crea interesse nei poeti di tutto il mondo”

Paride Leporace, direttore della Lucana Film Commission,ha aggiunto: “Lfc è molto partecipe e lieta di condividere questo progetto che apre alle nuove tecnologie, rende attuale Rocco Scotellaro e crea interesse nei poeti di tutto il mondo. Questo cantiere nel 2020 può dare una spinta al nuovo modo di fare cinema in Basilicata”.

www.materre.retecinemabasilicata.it

About Valeria Gennaro

Giornalista, redattore di moda e beauty, cinema editor. Cultrice della materia in storia del cinema con la passione per la moda, i bijoux e la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Check Also

La Sciampista

“La Sciampista” la filosofia che ti coccola la testa

La Sciampista nasce dall’idea creativa di Serena Porcelli, milanese d’origine, dal carattere determinato e dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.