Home Moda Londra si veste di velluto

Londra si veste di velluto

Dopo la festa appena conclusa di Halloween, il popolo londinese inizia il conto alla rovescia per le festività natalizie e non è il solo.

Aperitivi, cene, riunioni, feste, branch, ufficiali e non, richiedono un’attenzione particolare all’abbigliamento prettamente femminile e soprattutto presso il departement store di lusso Harvey Nichols, nel quartiere elegante di Knightsbridge – a pochi isolati da Harrods, sboccia il velvet trend. Il velluto infatti sembra essere per Londra il tessuto in vetta alle classifiche per questo inverno 2017/18 sia per l’abbigliamento che accessori.

In prima fila per il mondo del velluto, Christina di Erdem che, sulla scia della recente collaborazione con H&M,  è un nome conosciutissimo non solo dagli addetti ai lavori.

Il Christina, d’ispirazione vittoriana, è caratterizzato da motivi floreali maxi, collo alto, maniche svasate e la gonna a pieghe. L’outfit è impreziosito dalla scarpa Efa – dello stesso designer, in velluto nero, con fiori a rilievo e dettagli di raso e cristalli.

Al secondo posto i due abiti in velluto nero firmati Peter Pilotto, caratterizzati l’uno per la scollatura e l’orlo asimmetrico nonché da decorazione in ciniglia verde ed arancione, l’altro,  total black classico abito da gala con le spalle scoperte e svasato sul fondo.

Peter Pilotto

Sempre sul podio, il top blu navy a rose rosse di Markus Lupfer. Possibili gli abbinamenti con la culotte nere rigorosamente in velluto formate Peter Pilotto oppure con il pantalone scampanato rosso porpora by Stella McCartney.

Stella McCartney

Per il mondo degli accessori invece: scarpa nero platform e clutch rossa con inserirti Swarovsky, entrambe prodotte dalla maison McQueen oppure la nuova versione della celebre Falabella di Stella McCartney arricchita da una stampa a pitone e disponibile nella variante crema/rosa oppure nero/grigio.

Laura Savini

Articolo precedenteEditorial Sport Girl: Daniela Caruso a Londra
Articolo successivoTerza apertura romana per Louis Vuitton
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.