L’artista salernitana del Light Painting è tra i concorrenti di Tu si que vales: “Vorrei far conoscere questa tecnica al pubblico”

Ha 28 anni e già importanti collaborazioni alle spalle — tra cui quella con Huawei Italia — la fotografa del light painting Maria Saggese, tra le artiste più promettenti del panorama italiano. Nel mese scorso (19 settembre) l’artista ha partecipato a “Tu si que vales“, il popolare programma in onda dalle ore 21:20 su Canale 5, con la giuria formata dalle icone della tv Maria De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi e Teo Mammucari.

Maria Saggese ha realizzato in diretta una fotografia artistica che ritrae Maria De Filippi e Sabrina Ferilli, a simboleggiare la loro amicizia. L’abbiamo intervistata per voi, per conoscere più da vicino uno dei nuovi talenti italiani.

Light Painting, Maria Saggese
L’artista spiega a Maria De Filippi e Sabrina Ferilli come mettersi in posizione per la foto, nella puntata del 19 settembre 2020

Raccontaci la tua esperienza in tv: com’è iniziata?

All’inizio dell’anno ho inviato la mia proposta a Tu si que vales; a marzo sono stata ricontattata, e ho inviato un video per spiegare la mia idea. Non mi aspettavo minimamente di essere chiamata, ma a luglio sono stata convocata per una prima prova negli studi, poi direttamente per la prova generale. Confesso che non avevo ancora idea precisa sulla tipologia di scatto da proporre, poiché ogni foto realizzata con questa tecnica è unica e a sé. La puntata è stata registata a metà luglio, e io ero timida e imbarazzata. Però è stato bello e divertente allo stesso tempo: Maria De Filippi e Sabrina Ferilli sono amiche e questo mi ha offerto lo spunto per pensare ad uno scatto originale. E quando, nel fuori onda, Gerry Scotti mi ha detto “Che bel sorriso“, mi ha messa a mio agio.

Com’è stato il tuo incontro con Sabrina e Maria?

Mi aspettavo che avrebbero agito spontaneamente, ed è stato così: mentre chiacchieravano, è stato bello fare uno scatto per loro. Sabrina aveva inizialmente paura, perché le fanno spesso degli scherzi, ma il risultato è stato comunque d’effetto e poi hanno capito come mai occorrevano il buio e un po’ di pazienza.

Quando si sono riaccese le luci e si è visto il risultato. Infatti, per avere l’effetto sorpresa finale ho detto semplicemente che sono un’artista e una fotografa, senza specificare la tecnica che avrei usato: l’ho spiegata successivamente nel dettaglio, in modo da non rovinare il wow-effect.

Perché hai scelto questo talent per portare il Light Painting in TV?

Non sono molti i talent dedicati a tutte le arti, e volevo partecipare ad uno show che desse prevalentemente spazio alle doti artistiche. Il mio scopo è proprio quello di far conoscere questa tecnica in Italia, e volevo farla conoscere a un pubblico molto più vasto, anche ai non professionisti. Inoltre, è stato bello conoscere più da vicino Maria De Filippi, Sabrina Ferilli e altri personaggi famosi che in genere vediamo solo in tv.

Light Painting
Lo scatto realizzato durante la puntata di “Tu si que vales”

Cos’hai pensato dei giudici prima di salire sul palco?

Avevo più paura di Rudy Zerbi e Teo Mammucari, visto che in genere sono molto esigenti, ma poi anche loro sono rimasti sorpresi e in tanti mi hanno fatto i complimenti. Ho avuto riscontro da tantissime persone, anche da chi non era appassionato di fotografia. Ora spero di andare avanti, e attendo i risultati a fine mese per le semifinali. Le finali si svolgeranno a fine novembre.

Cosa ne pensi dei social, anche dei più recenti, come mezzo di divulgazione?

Ho provato inzialmente a pubblicare video di light painting su TikTok, ma ho visto che i video più virali non sono questi, di carattere puramente visivo e artistico. Secondo me sono utili solo i video del backstage, per far capire come realizzare le foto. Su Instagram c’è più attenzione a questi video, e mi trovo bene anche per promuovere i miei workshop.

In cosa consistono i workshop di Light Painting?

Sto facendo lezioni online sia in italiano che in inglese, con tanti studenti e anche persone dall’India e dall’America! Però devo dire che nulla sostituisce le lezioni dal vivo. Fino a qualche settimana fa li organizzavo con poche persone, e con relative mascherine, all’aperto. Ora ho stoppato. Rimando di qualche mese; mi piacerebbe organizzare un workshop in studio con una modella, appena sarà possibile.

Di cosa ti stai occupando al momento?

Ora sto lavorando a Roma e mi sto dedicando all’applicazione del light painting sui ritratti, anche per il settore moda. I miei lavori sono stati pubblicati su riviste come Marika Magazine, Edith Magazine, Luxia Magazine, Elegant Magazine e Surreal Mag. Con l’aiuto della mia make-up artist Giusy Raneri, sto proseguendo questi lavori e, di recente, sono stata contattata anche da un’azienda che mi ha chiesto di usare la stessa tecnica per una festa aziendale.

La copertina realizzata per Luxia

Com’è cambiato il tuo lavoro durante e dopo il lockdown?

Ogni anno faccio una mia lista di propositi, ma stavolta è stato tutto rivoluzionato, e quando la situazione si complica bisogna cercare metodi alternativi. Non ho potuto fare più le experience dal vivo, ma mi sono organizzata con le lezioni online, dato il periodo. L’importante è non abbatterci e andare avanti.


Per conoscere meglio le opere artistiche di Maria Saggese, è possibile visitare il suo sito web www.mariasaggese.com o collegarsi alla pagina Facebook ufficiale.

Si ringrazia Maria Saggese per le foto in questo articolo. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteAlla scoperta delle bellezze italiane con le Giornate FAI d’Autunno
Articolo successivoYATAY per NO MORE PLASTIC e la #WALKWITHUS Campaign
Laureata in Pubblicistica e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione d'interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, dal 2008 collabora con stampa locale e giornali online. Già docente di scrittura creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come giornalista e content creator. Impegnata con l'associazione Felix Cultura e altre no-profit, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie con Aletti Editore ("Ali di Gabbiano", Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 - "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Su Instagram ha un account dedicato a libri e moda: seguila su @fashionreaders_books

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.