Il successo della famosa maison nacque nel lontano 1987 alla nascita della figlia unica di Jeanne Lanvin, Marguerite unica e sua vera fonte di ispirazione.

E fu proprio per entusiasmare la figlia che Jeanne inizia a creare collezioni femminili attraendo il mondo intero.

Un legame forte come base di un successo inestimabile.

L’incondizionato amore di una madre verso la figlia ha maturato la creatività del brand. A metà tra moda ed amore, la gioia della maternità suggerisce alla stilista la creazione di una linea di abbigliamento per bambini.

Proprio pensando alla sua futura primogenita crea la sua prima collezione, attirando l’attenzione e le lusinghe delle mamme della scuola di Marguerite che ne ordinarono subito diversi capi, inaugurando un nuovo business.

Jeanne-Lanvin-and-her-daughter-Marguerite-in-1907

Quando nel 1907, Jeanne e Marguerite parteciparono ad un ballo in maschera, vennero immortalate da scatti d’eccellenza che sottolineavano gli accessori estrosi creati per l’evento.

Madre e figlia in abito da sera con cappello abbinato e decorato con piume.

Il boom è stato inevitabile. Il riscontro mediatico delle creazioni di Miss Lanvin stupisce le donne del tempo che da subito ordinano capi per loro figlie.

Da quel momento, l’adesione a “le Syndacat de la couture” permette alla maison di diventare membro ufficiale del fashion system.

“Le basi di un successo si costruiscono dal passato, per questo ancora oggi la maison è apprezzata in tutto il mondo per la sua creatività e tradizione”.

lanvin

Jeanne, e la sua idea di utilizzare “l’immagine” come sigla della sua casa di moda, fu già da allora una rivoluzione nel sistema, abituati a vedere i bozzetti siglati da una firma o da un nome di stilista.

Già dal 1907 la maison pone le basi di un grande successo destinato a durare nel tempo

Nel 1923 infatti, il costumista Paul Iribe, riutilizza il disegno dell’immagine icona scelta a suo tempo da Jeanne, per stilizzare nuovi abiti e nuovi volumi come interpretassero una danza tra madre e figlia.

La stessa viene poi rielaborata negli anni seguenti da Armand Ruteau, per la linea parfum, “Arpége” rappresentazione finale dell’amore materno per la figlia Marguerite e logo della maison….

Lanvin-Arpege-Ad

Ed è proprio questa l’immagine che accompagna le collezioni della maison tutt’ora in passerella, ricreando e valorizzando l’amore e lo spirito materno in chiave moderna.

Laura Savini
Fashion Communication

lanvin-arpege

Articolo precedenteMadonna: nuovo volto della donna “Versace”
Articolo successivoDay to Night: Come abbinare una gonna a fiori dal giorno alla notte
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.