Charleston (3)Storia “Il charleston, ballo nato negli anni ’20, ovvero nel primo dopoguerra, è stato uno dei balli moderni più condivisi in tutto il mondo. Di origine jazzistica ed americana, diviso 4/4, era uno di quei balli che dava sprint e armonia necessaria per lasciare andar via i pensieri negativi che la guerra aveva lasciato. Le donne del Charleston, vestivano con abiti e gonne sinuose di stoffe sottili e decorate con frange frastagliate ed arricchite con perle e piume di struzzo. Linee semplici ma che accentuavano la sensualità del corpo”.

Dagli anni venti, al terzo millennio gli eventi sono cambiati, e questo abito, come d’altronde altri abiti inerenti a periodi storici, sono diventati simbolo del carnevale; dunque ci si accinge a ricreare l’abito di quell’epoca per poterla portare ai giorni nostri, o ricrearla perfettamente così com’era.

La stilista Adele Tessitore, rimane fedele alle stoffe ,frange, perle  e piume di struzzo ricreando un abito Charleston per il carnevale 2014, lasciando la propria impronta:

“Linee fluide, taglio a fascia swarovsky e serie di balze di frange sovrapposte, creano una continuità unica, dando sinuosità ed armonia al vestito. Le spalline a sé e la collana a girocollo di piume di struzzo, arricchiscono il tutto dando eleganza e charm, completandosi in una fascia in swarovsky e piume sulla fronte. Una maschera bianca, arricchita anch’essa di brillantini e piume, cela un velo misterioso al vestito, dando origine ad una piccola ma affascinante donna.”

Charleston (2)

Moda Reportage by Adele Tessitore

Articolo precedenteFashion week 2014, Fashion con sapore
Articolo successivoJennifer Gareis, attrice americana d’origine italiana
Mi chiamo Adele Tessitore,ho 24 anni e sono di Torre Annunziata in provincia di Napoli.Tre anni fa decisi di assecondare una mia grande passione, lo stilismo, iscrivendomi al corso accademico (stilismo-modellismo) all’Accademia Della Moda di Napoli, diplomandomi così a settembre 2013. Mi piace prefissarmi un obiettivo e ottenerlo. Sono sempre stata caparbia e perfezionista su ciò che ritengo importante e nonostante possano risultare due difetti, li trovo un vantaggio quando riesco a raccoglierne i frutti. Mi piace esternare il mio lato creativo in tutto, anche nella vita di tutti i gironi, esternandomi tramite il mio abbigliamento, che muta a seconda della mia lunaticità. Amo sognare, ma soprattutto adoro farlo nel momento in cui i miei piedi sono ancorati e decidono di alzare l'ancora solo nel momento in cui ho le mie certezze. Sognare è essenziale, ma bisogna sapere spiccare il volo se si decide di avere il potere e il volere di esser sicuri di ciò.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.