Home Moda Donna Abbigliamento Donna L’Haute Couture di Valentino è individuale

L’Haute Couture di Valentino è individuale

Haute Couture,Valentino

Per la collezione Haute Couture 2019/2020 Pierpaolo Piccioli, direttore creativo di Valentino punta sull’individualità. In passerelle 71 look irresistibili.

Parterre a cinque stelle: da Naomi Campbell a Celine Dion, Gwyneth Paltrow, Heidi Klum, Nicky Hilton, Haider Ackermann, Rachel Zoe, Natalia Vodianova, Olivia Palermo, Liya Kebede, Kristin Scott Thomas, FKA Twigs.

Haute Couture,Valentino

Siamo tutti uguali ma in modo diverso”, annuncia lo stilista.

Un tema semplice quello scelto per l’alta moda di Valentino ma al contempo lontano dalla contemporaneità in cui viviamo.

71 i look che raccontano l’alta moda della maison frutto di personalità, culture e stili diversi.

Differenze che si mixano in un mood unico ed elegante a tratti stravaganti e perfettamente armonico.

Valentino,Haute Couture

Una collezione di colori, forme, frange per raccontare una storia unica nel suo genere, redatta ad arte in cui l’individualità dell’essere umano resta un bene prezioso, al primo posto della scala dei valori morali

E’ l’individualità che ci rende umani, commenta il designer,  e sarà proprio lo spettatore che ne coglie il significato attraverso i capi della collezione. Dall’individualità ognuno trae la sua storia.

Finale di passerella rivede Pierpaolo Piccioli insieme le sue sarte, immagine di condivisione di un successo. Mani ed idee che trasformano il processo creativo e costruiscono l’Haute Couture di stagione in stagione.

Laura Savini

Articolo precedentePasserella Mediterranea 2019. L’essenza dell’alta sartoria sposa
Articolo successivoJanelle Monáe e Belvedere Vodka con “A Beautiful Future”
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.