Oggi possiamo sperare di sfiorare un secolo di successi e fallimenti. La vita media degli uomini, infatti, è di 80,8 anni, mentre quella delle donne di 85,2. Per i nostri 100 anni di vita dobbiamo ringraziare gli incredibili progressi della medicina. Abbiamo farmaci per curare o controllare (quasi) ogni cosa, sono talmente tanti e facilmente reperibili che a volte ci ritroviamo ad abusarne. Magari adesso starai pensando di non averlo mai fatto. Ma parlo a te, donna in carriera, ricordi quell’appuntamento di lavoro a cui non potevi mancare ma ti sei svegliata con la febbre alta? In queste occasioni, e chissà quante altre, hai preso dosi da cavallo di tachipirina per sopportare la giornata. Parlo anche con te, marito ipocondriaco, quante volte per un lieve mal di testa hai preso l’intera scatola di “Aulin” e chiamato il parroco per l’estrema unzione? Scomodare la chiesa cattolica non ha conseguenze, abusare di farmaci, invece, sì. Per fortuna però, viene in nostro soccorso la Fitoterapia.

Erbe medicinali

Farmaci fitoterapici, cosa sono?

I medicinali fitoterapici sono quei preparati o estratti il cui principio attivo è una sostanza vegetale. Questi medicinali necessitano di un’approvazione ufficiale dall’agenzia italiana del farmaco, proprio come i “comuni” farmaci. Non solo il loro effetto farmacologico è dimostrato, ma possono avere un impatto molto meno dannoso sul corpo rispetto ai cugini di sintesi.
Non sottovalutiamoli però, per la loro assunzione è necessario prestare la stessa attenzione che dedichiamo agli altri farmaci. Alcuni di noi hanno già sentito parlare di fitoterapia e nell’immaginario comune viene spesso associata all’omeopatia. Niente di più sbagliato. Quest’ultima non è una branca riconosciuta della medicina e non ha niente a che vedere con le erbe. Rimane solo un ultimo segreto da svelare: la potenza del fitocomplesso.

Fitoterapia, fiori di Bach

Parola d’ordine: gioco di squadra!

Possiamo immaginare una pianta come un laboratorio chimico che sintetizza molecole biologicamente attive dalle formule super segrete. L’uomo può ricreare la maggior parte dei principi attivi in laboratorio, ma non conosciamo la formula segreta più importante: il Fitocomplesso. Le molecole prodotte dalla pianta, insieme, hanno un effetto sinergico. Quindi assumendo un farmaco fitoterapico, oltre ai singoli effetti di ogni principio, abbiamo un potere bonus di gruppo, cioè il nostro fitocomplesso. Queste formule sono segreti della pianta perché non solo non siamo capaci di replicare questo effetto sinergico in laboratorio, ma spesso non riusciamo nemmeno a identificare tutti i benefici di un fitocomplesso. Sicuramente questo tipo di farmaco è meno conosciuto e meno utilizzato rispetto a quelli di sintesi. Ma, visto il curriculum impeccabile della fitoterapia e il “magico” fitocomplesso, il minimo che possiamo fare è aprire la mente, informarci e fare un tentativo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.