H&M collabora da diverse stagioni con la Humane Society International per promuovere il trattamento etico degli animali attraverso le industrie della moda e della bellezza.

Focus della maison è sempre la protezione animali, mostrando attenzione particolare alle fattorie da cui deriva la lana, materiale clou della nuova collezione f/w, ad esempio.

Ma non solo, si adopera infatti per vietare la sperimentazione dei cosmetici con estratti animali.

HM_spring_2014

“Il benessere del mondo animali è importante per H&M, e proprio per questo mira a migliorare le pratiche di benessere degli animali nelle proprie industrie nonché le personali esigenze.

Di conseguenza, lavora in collaborazione con HSI per elevare gli standard in tutta l0industria a livello globale”, spiega Madelene Ericcson, esperta di business sostenibile.

36679642

hm10

“La Human Society International, è un ottima organizzazione”, spiega l’esperta, “e sarà un ottimo compagno di lavoro per spingerci verso il cambiamento tanto da poter diventare esempio per altre aziende a noi affini”, conclude.

Si mira infatti a cambiare l’obiettivo politico globale, agendo su divieti legislativi (come la rimozione di strisce lana cuscinetto, intorno ai glutei di una pecora dal vivo), e soprattutto a sostenere attivamente e costantemente la campagna contro i test cosmetici Be Cruelty Free animal.

HM_spring_2014_1

Nel progetto anche diversi programmi di istruzione per poter sensibilizzare le parti interessate ed il consumatore.

fashion-recycling-week-1-6aug15-pr_b

H&m, pionera etica, ha collaborato con il college of fashion di Londra, per la settimana del riciclaggio, nonché con innovatori tessili impegnati su test tecnologici sul reciclaggio fibra, un nuovo metodo innovativo e meno invasivo, da dover essere sviluppato a livello mondiale.

Da leadership quale è diventata, H&M, sta ampliando i suoi impegni per il benessere degli animali sostenendo programmi di educazione certificati, per poter migliorare il benessere animale delle pecore, capre, oche, anatre nel loro complesso.

abito-stretch-fantasia

Un forte messaggio quello che la casa di moda vuole lanciare per poter porre fine alle sofferenze degli animali nei test chimici.

Laura Savini
Fashion Communication

Articolo precedenteLa Nostra Inconsistenza
Articolo successivo“ Reaching the cape ” di Matteo Di Giovanni
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.