Il loro è stato un sodalizio e legame artistico che ha cambiato perennemente l’arte del XXI secolo.
Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat – dalla Pop Art alla Street Art. Entrambi presenti alla mostra realizzata da ONO arte contemporanea e ospitata da Mantova Outlet in cui si propongono 36 scatti di diverso formato attraverso i quali si ripercorre la storia della loro unione.

Il primo, Andy  Warhol: pittore, scultore, regista, produttore cinematografico, direttore della fotografia, attore, sceneggiatore e montatore statunitense, figura predominante del movimento della Pop Art e tra gli artisti più influenti del XX secolo.

Il secondo Jen-Michael Basquiat: tra i  più importanti esponenti del graffitismo americano, riuscendo a portare, insieme a Keith Haring, questo movimento dalle strade metropolitane alle gallerie d’arte.

Non solo un rapporto di stima tra un talent scout ed un talento nascente, ma una vera e propria sintesi artistica dalla quale nacque appunto la street art.

Il papà della Pop Art e di una fucina di talenti come la sua Factory, insieme al grande artista che ha aiutato ad emergere, arrivando a lavorare a quattro mani su opere pittoriche istintuali di puro Basquiat innestate con la serialità ‘warholiana’, sono i protagonisti degli scatti di Anton Perich, Fred W. McDarrah e Lee Jaffe, con la mostra organizzata dalla ONO arte al Mantova Outlet Village, a partire da domenica 8 gennaio 2017.

La mostra è stata inaugurata da Daniela Sogliani. All’interno della mostra ci sarà spazio anche la narrazione degli anni spericolati della Factory, delle luci di Manhattan e di quel mondo in perenne ebollizione artistica che tra locali iconici (come il Club 57) e gallerie di sperimentazione, tra underground e quartieri alti, ha visto nascere il concetto stesso di pop.

Laura Savini

Articolo precedenteE’ iniziata la stagione concertistica 2017 di Ateneo Musica Basilicata
Articolo successivoArrival – potente thriller fantascientifico di Vìlleneuve
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.