Come ogni anno, AltaRoma presenta l’ambito concorso di talent scouting in collaborazione con Vogue Italia dove vengono presentate al pubblico creazioni Made In Italy direttamente proiettato al mercato internazione, grazie alla collaborazione ed al sostegno dell’ICE – Agenzia di Roma e alla sua rete di uffici all’estero.

Numerose le proposte di partecipazioni ricevute per l’edizione e minuziosamente accolte da Simonetta Gianfelici, Fashion Expert e Talent Scout, e Sara Sozzani Maino, Senior Editor di Vogue Italia e Head of Vogue Talents. Dodici i progetti selezionati che entrano a far parte del gruppo dei finalisti di questa nuova edizione del concorso considerato a livello mondiale tra le piattaforme creative più autorevoli.

who is on next,altaroma,vogue talents

Sei designer per la categoria abbigliamento ed altrettanti per la linea accessori:

Prêt-à-porter:

ACT N°1, brand di abbigliamento femminile fondato da Luca Lin e Galib Gasanov all’inzio del 2016 a Reggio Emilia. LA denominazione nata per il ricordo infantile del designer e come primo atto di vita, che ha inspirato il duo. Uno dei primi aspetti di Act n°1 è quello di voler raccontare una storia ai propri clienti.

Nasce tutto dalle loro biografie, background multiculturale, e si concentra sul loro passato, stili di vita, casa, arte antica cinese e sull’artigianato dell’Azerbaijan.

CORA, nasce nel Febbraio 2016 come marchio di lusso per opera di Clara Giaquinto. Dopo la laurea presso il Politecnico di Milano e la collaborazione nel settore di progettazione di Aquilano.Rimondi decide di mettersi in proprio grazie la maturata esperienza ricevuta che le ha permesso di capire sviluppare il suo gusto raffinato e di apprezzare la qualità del Made in Italy. Il suo obiettivo è creare abiti estremamente preziosi e femminili Stampe ricche e ricami preziosi su tessuti esclusivi sono il fulcro dello stile distintivo del marchio. L’arte e la cultura italiane sono trasposte delicatamente in ogni pezzo della collezione.

cora,vogue talents,altaroma
Cora

DAVIDE GRILLO, classe 93, inizia a muoversi dall’Istituto per l’Artigianato della Moda di Parma e  Central Saint Martins College of Arts and Design di Londra,  il Nafa Fur Studio di Toronto.

Contemporaneamente agli studi lavora per diversi artigiani e laboratori sartoriali di Parma, dove apprende l’importanza delle costruzioni sartoriali di atelier. Dopo la laurea,  comincia la sua collaborazione con il brand Pinko. E successivamente Dolce & Gabbana Alta Moda, nel 2016 fonda il brand che porta il suo nome, basato su una poetica di artigianalità e unicità delle lavorazioni tradizionali.

grillo,vogue talents,altaroma
Davide Grillo

MARCO RAMBALDI, classe 1990, bolognese. Diplomato in graphic design – design del prodotto, si iscrive al corso di laurea in Design della Moda presso l’Università IUAV di Venezia, dove si laurea e dove definisce il suo stile.. Marco Rambaldi debutta con la sua prima collezione femminile nel Febbraio 2014, ed è da quel momento che Milano diventa la sua città di adozione. Fino al 2016 lavora come designer all’interno dell’ufficio stile di una tra le più importanti case di moda italiane. Oggi, è tornato a vivere a Bologna, dove  trae forte ispirazione rispetto alle tematiche di ricerca.

MINIMAL TO nasce a Torino nel 2011 dal trio Elisa Mazza, Danila Olivieri e Stefano Sberze. Diplomatisi insieme presso lo IED Moda Lab di Milano, intraprendono strade diverse collaborando con numerosi brand italiani ed internazionali oltre che a produzioni cinematografiche prima di dare vita al loro brand, la cui identità, e frutto dell’insieme delle esperienze dei singoli autori, nonché osservazione del continuo mutuarsi della società. Ogni abito, rigorosamente confezionato e serigrafato a mano, è frutto di una costante ricerca.

Il loro obiettivo è quello infatti di creare prodotti univi ed esclusivi che possano essere riconosciuti nel tempo come frutto del Made in Italy.

vogue talents,altaroma,designers
Minimal To

TALLER MARMO, nasce nel 2013 dal duo Riccardo Audisio e Yago Goicoechea. Il loro è un ready to wear femminile nato dalla parola spagnola “laboratorio” e l’italiana “marmo” per indicare la sperimentazione di materiali lusso e tecniche innovative. Interpretazione modella della femminilità mix di abiti da giorno e da sera, e mirano a sottolineare un approccio audace nonché a valorizzare l’artigianalità Italiana per opera di esperti del settore

Per la linea accessori:

AMANTI, opera della designer Filomena Manti ed al suo confronto con culture diverse. Dopo essere stata in America, e nelle maggiori città europee raggiunge l’ Indonesia, dove è ammaliata dal lavoro degli artigiani locali. Da qui nasce la sua vocazione per il design che la spinge a conseguire il Master in Textile and Leather Bags. Al suo ritorno in Italia fonda il suo brand nato dalla commistione di made in Italia e contaminazioni etniche. Forme semplici ed eleganti frutto di ricerca ed autenticità.

Amanti,borse,Filomena Manti ed
Amanti

ANDREA MONDIN, si laurea presso la Scuola Superiore d’Arte di Treviso, frequenta il Corso di Moda Europea di Pordenone e approfondisce la sua formazione presso l’Istituto Europeo di Design di Milano

Inizia la sua carriera presso l’ufficio stile di R.Cavalli a Firenze, per passare poi a Dolce & Gabbana, Versace e Versus. Solo i lavori svolti per Christopher Kane e Anthony Vaccarello caratterizzarono il suo percorso professionale. Nel 2016 lancia la prima collezione di scarpe lusso a nome Andrea Mondin.

andrea mondin,scarpe,designer
Andrea Mondin

DAMIANO MARINI; classe 1984. Dopo gli studi in economia, sceglie di seguire la sua passione per la moda, accessori nello specifico e si iscrive alla scuola per il corso di Stilista-Modellista di calzature presso il CERCAL, “Centro Ricerca e Scuola Internazionale Calzaturiera di San Mauro Pascoli ed inizia a lavorare come shoe free lance per alcune aziende tra cui Casadei. Nel 2015 lancia il suo brand nato dall’unione e dallo studio eccellente della tradizione manifatturiera italiana e la ricercatezza, ipermoderna nonché da sperimentazioni di materie e colori. Estrema attenzione al dettaglio.

Damiano Marini,scarpe,vogue talents
Damiano Marini

MARCO PROIETTI, classe 1979. Trascorre la sua infanzia a Tivoli dove mostra sempre profonda ammirazione per il mondo della moda. SI diploma all’accademia costume e moda di Roma ed inizia la sua formazione professionale con il gruppo Ittierre per poi collaborare con Versus ed altri famosi brand.

Amante del colore e dalla qualità dei materiali, cerca sempre di evidenziare le forme che esaltano charme e sensualità. I suoi sono modelli unici, glamour essenziali nella quotidianità femminile per la loro eleganza, allure e femminilità.

marco proietti,scarpe,vogue talents

NICOGIANI, brand nato per opera di Niccolò Giannini, per la realizzazione di borse. Nasce a Firenze nel 2016. Dopo la laurea di modellistica presso Il Polimoda si specializza in Fashion Design presso lo Studio Berçot di Parigi, e conclude conseguendo un Master presso l’Accademia delle Arti di San Francisco.

Le sue borse sono frutto di geometrie e colori che rispecchiano il carattere del designer:dinamico ma allo stesso tempo morbido, elegante.

ROBERTO DI STEFANO, formazione mista tra arte, moda e design unità dalla passione e ricerca della qualità italiana, attenta al dettaglio. Dopo diverse esperienze tra uffici stile e prodotti, lancia nel 2017, la sua prima collezione di borse ed accessori in pelle frutto di ricerca e studio attento del materiale volto a differenziarsi da borsa a borsa. Pezzi eclettici, audaci prodotti in edizione limitata e frutto della firma di produzione italiana

Laura Savini

Articolo precedenteLuci e stelle per Rani Zakhem
Articolo successivoÈ il Kimono il capo d’abbigliamento must dell’estate!
Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.