Home / Spettacolo / Arte / Walter Valentini. Universo Arte al Camec Spezia 1973-2017

Walter Valentini. Universo Arte al Camec Spezia 1973-2017

Varcando la soglia del CaMec ci troviamo in un universo… galassie pianeti stelle ci sorprendono in una staticità  dinamica!  È questa la dimensione di Walter Valentini che si spalanca offrendosi ai nostri occhi. Lo sguardo non sa dove  posarsi grazie alla delicata potenza di queste immagini protagoniste assolute dello spazio che catturano immediatamente  l’attenzione del visitatore.

Walter Valentini,CaMec Spezia,arte Liguria

Bassorilievi, sculture  tecniche miste, carte, terracotte refrattarie,  sculture e i libri d’artista, un ulteriore  universo  in vibrazione  con i grandi poeti di ieri e di oggi. Tanti sono i campi di sperimentazione del Maestro, termine che uso molto raramente perché  abusato e usato malamente, ma in questo caso torna in auge nella sua accezione  piu pura proprio ad indicare la “maestria” di questo poliedrico artista che, pur riconoscibilissimo per tratto e carattere,  è ben lungi dall’essere ripetitivo.

L’arte di Valentini è un’arte colta, che spazia e coniuga  sperimentazione e ricerca alle tecniche tradizionali, e i  contenuti sublimati convergono nelle sue geometrie fantastiche, evocative per il sapiente rimando delle citazioni.

L’arte nasce sempre dalla storia dell’arte“. Questa la profonda convinzione  di Valentini ben  sottolineata da Enzo  di Martino nel suo incisivo testo di presentazione che mi consola affermando questa assoluta verità con cui non posso che essere in sintonia.

Sono grata al CaMec per l’attenzione dimostrata al  percorso di un tale  artista che si stacca nettamente da qualsiasi tentativo di inquadramento, omologazione o corrente che dir si voglia.

Cresciuto in un ambiente colto e raffinato come quello urbinate, tra Piero della Francesca il  Laurana e Fra’ Pacioli, alla rorida fonte dell’impareggiabile Scuola del Libro, da cui riceve l’imprinting che segnerà tutta la sua poetica, si trasferisce presto al nord per motivi di lavoro. Ė Milano che lo accoglie ben e qui trova il modo di esprimere la sua ricerca astratto concreta. Questo il ritratto che ne fa Marzia Ratti, direttrice del CaMec,  esplicitando le ragioni dì questa mostra da lei fortemente voluta. Nato pittore, lascia le superfici bidimensionali alla fine dgli anni settanta per una sorta di insofferenza verso i limiti a questa fisiologici e li  supera integrando la pittura con la scultura. Di qui i suoi splendidi bassorilievi che Enzo di Martino descrive come “sorprendenti rilievi spaziali e lancinanti  scavi materici“, come sorprendente e assai rara la grande padronanza della tecnica, anzi delle tecniche, le più disparate, che gli permettono di raggiungere effetti di grande impatto e ricchi di fascino all’interno di un equilibrio  compostivo di chiara derivazione rinascimentale.

Più di 140 i lavori presenti in mostra, ognuno dei quali  richiede una profonda lettura per gustarne appieno i significati stratificati che giocano a nascondino tra armonia e bellezza.

Impossibile descrivere tanta raffinatezza e tanta potenza insieme. Bisogna proprio viverla e lasciarsi catturare dalla magia che sprigiona.

La mostra inaugurata ad aprile è visibile fino al 1 october p.v.

http://camec.spezianet.it/valentini/index.html

www.waltervalentini.com

Tiziana Leopizzi

About Tiziana Leopizzi

Architetto e giornalista, si occupa di comunicazione e di organizzazione di eventi di arte contemporanea in Italia e all’estero. Editore pubblicazioni d’arte. Direttore e consigliere di Ellequadro Documenti – Archivio Internazionale di Arte Contemporanea con sede a Genova.

Check Also

Hunziker

La Hunziker a un passo da un Sanremo accanto a Baglioni?

La conduttrice Michelle Hunziker non lo afferma esplicitamente, ma lascia intendere che la via per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.