Home / Regioni / Basilicata / Sgarbi super ospite nella “Città che legge 2017”
Montalbano Jonico,binari della cultura,basilicata

Sgarbi super ospite nella “Città che legge 2017”

Torna questa estate “Sui binari della cultura”, la rassegna letteraria promossa dall’Assessore alla Cultura del Comune di Montalbano Jonico, Ines Nesi, e ideata dal giornalista e direttore organizzativo Antonello Lombardi. Si tratta di una vetrina culturale realizzata per promuovere e condividere il piacere della lettura, e volta a favorire un dibattito cittadino, aperto a nuove esperienze e riflessioni. Dopo il successo della prima edizione, del 2016, si consolida quest’anno la vecchia formula che è arricchita con alcune novità.

La rassegna, che ha preso il via il 14 luglio, con Raffaele Nigro che ha presentato il  suo ultimo lavoro “Narratori cristiani di un Novecento inquieto”, si articola in sei appuntamenti, con cadenza settimanale. Nelle serate successive, che si sono svolte sempre nella suggestiva cornice delle Mura medievali, hanno partecipato gli altri autori: Fabio Amendolara, Maria Antonietta D’Onofrio, Lino Patruno, Gianpaolo Colucci, Maurizio Antonio Cirigliano, Rino Finamore e Michele Petrocelli; mentre a chiudere la kermesse letteraria, sabato 19 agosto, nella centralissima piazza Vittoria, ci sarà il super ospite dell’edizione 2017, il critico d’arte Vittorio Sgarbi. Gli organizzatori confermano anche la presenza di un “gruppo di lettura” che anche quest’anno sarà chiamato ad esprimere un giudizio sulle singole opere letterarie tenendo conto dell’originalità, del valore socio-educativo e dello stile narrativo adottato dall’autore.

binari della cultura,vittorio sgarbi,Montalbano Jonico

«La città di Montalbano Jonico, riconosciuta “Città che legge 2017” – spiega l’assessore Ines Nesi – può vantare una biblioteca comunale con un fondo antico tra i più ricchi della regione Basilicata. È parso subito importante, e in linea con la storia del paese, favorire occasioni di incontro con gli autori per la lettura dei testi, e attraverso i quali riconoscere la dimensione sociale del libro e la sua capacità di proiettare il lettore nella conoscenza di altri mondi e vite, partendo in molti casi dal legame con il territorio. La presenza di Sgarbi nella serata conclusiva – aggiunge Nesi – rappresenterà certamente un confronto di notevole interesse con un uomo di straordinaria cultura. Ci permetterà di far conoscere e apprezzare le ricchezze del territorio: dal fondo antico, con le sue preziose cinquecentine, custodito presso l’antico Palazzo Rondinelli, alla riserva naturale dei  Calanchi. Lettura e promozione del territorio – auspica l’assessore – sono racchiusi in un itinerario turistico-culturale che ci auguriamo porti la città di Montalbano ad essere sempre più protagonista nel panorama regionale».

Anche seguendo Rino Finamore, uno degli autori coinvolti: «Questa rassegna è un momento importante nel panorama culturale letterario regionale lucano. Un momento in cui diversi scrittori, con interessi molteplici, hanno l’occasione di incontrarsi. L’incontro –  sottolinea Finamore  –  genera alchimie di pensiero interessanti, e posso ben dirlo dopo la mia esperienza alla presentazione del mio libro (Talità Kum. La pratica filosofica nella società liquida) al 30° Salone Internazionale del libro di Torino. Ritengo che questo appuntamento sia un’ottima occasione di rilancio di noi scrittori e un buon incubatore culturale». Finamore plaude infine al direttore della rassegna Lombardi il quale «ha saputo combinare in maniera appropriata e innovativa “vecchi” e “nuovi” scrittori in un territorio che stenta a decollare verso la meta di Capitale della cultura Europea 2019».

Valeria Gennaro

Di Valeria Gennaro

Giornalista lucana, consulente di comunicazione, web designer e cultrice della materia in storia del cinema, con la passione per la moda, per i bijoux e per la social communication. Laureata magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione e laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

Uniti contro l’Aids: la campagna del Ministero della Salute

Ancora oggi in Italia 3.500 persone scoprono di essere stati contagiati dall’Aids. Quello che negli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.