venerdì , 23 giugno 2017
Home / Regioni / Lombardia / I Paesaggi di Elger Esser in mostra alle Stelline
Esser, Ninfa Soso
Esser, Ninfa Soso

I Paesaggi di Elger Esser in mostra alle Stelline

La magnificenza della natura si manifesta per una visione contemplativa. Questo è il merito di Elger Esser, allievo di Bernd e Hilla Becher e uno dei famosi artisti della scuola di Düsseldorf,  in mostra fino al 25 giugno 2017 alla Fondazione Stelline di Milano. E’ la prima antologica in Italia dedicata al maestro dotato di una indiscutibile sensibilità nel rappresentare paesaggi onirici avvolti in atmosfere rarefatte. Dei veri e propri scatti pittorici dove l’arte e la natura si fondono in una visione intimistica. L’esposizione “De Sublime”, a cura di Enrica Viganò e Alessandra Klimciuk, propone una selezione di 28 opere tra le più rappresentative della sua ampia produzione. Le opere di Elger Esser si trovano nelle collezioni del Guggenheim di New York, al Rijksmuseum di Amsterdam e al Centre Pompidou di Parigi.

Esser, Ameland Pier

Nato a Stoccarda nel 1967, Esser ha vissuto fino all’adolescenza a Roma. A diciannove anni si trasferisce in Germania dove inizierà, anche grazie alla frequentazione della più famosa scuola di fotografia tedesca, a sviluppare il suo estro creativo.

Esser, Fondamente Nove
Esser, Fondamente Nove

Il percorso espositivo milanese è suddiviso per tematiche che costituiscono il fulcro della vasta attività di Esser. Si inizia con I paesaggi e le vedute, dove l’inquadratura si estende all’infinito e la luce irradia le immagini facendo svanire la percezione del tempo. Si prosegue con la serie de Le cartoline e le eliografie con l’utilizzo delle cartoline d’inizio ‘900 rielaborate magistralmente senza disperdere la memoria storica, anzi evidenziando il sapore vintage. Notevoli anche le immagini rassomiglianti a dei dipinti ed elaborate con la tecnica dell’eliografia. Un’altra serie, quella dedicata al Giardino di Ninfa, raffigura una splendida visione della pittura naturalistica in stile ottocentesco, dove gli scatti riproducono, in maniera sfocata o nitida, degli splendidi panorami con la presenza di rovine archeologiche. Infine l’inarrestabile ricerca dell’autore, effettuata con modalità rigorosamente manuale, è rivolta alla sperimentazione della stampa su rame e argento e sugli effetti di ossidazione in alcuni punti di bagliore delle immagini. La mostra, impreziosita da 4 video che mostrano le fasi più significative della carriera di Esser, è stata realizzata dalla Fondazione Stelline in collaborazione con Admira e con il patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano.

Esser, Tonnay
Esser, Tonnay

Il successo del calendario di eventi del Photofestival dimostra che finalmente la fotografia non è più considerata una forma d’arte marginale ma una vera e propria risorsa rivolta sia agli addetti ai lavori che ai profani.

Francesca Bellola

Elger Esser. De Sublime
20 aprile – 25 giugno
Fondazione Stelline

C.so Magenta 61, Milano
Orario: martedì – domenica, h. 10.00-20.00 (chiuso il lunedì)
Info: fondazione@stelline.it
www.stelline.it

Banner New season gennaio 2017 468 x 60

Di Francesca Bellola

Vive a Milano. Giornalista e direttore del portale OkArte.it, scrive per varie testate tra le quali: Il Giorno (quotidiano), Alpi Fashion Magazine, Ok Arte di cui ha diretto per sette anni il freepress cartaceo. E' curatore di mostre d'arte in sedi Istituzionali, private e gallerie in Italia. E' Art-Promoter di artisti affermati ed emergenti, organizzatrice ed ideatrice di eventi culturali. L'esperienza, acquisita nel corso degli anni per l'arte in tutte le sue forme, l'ha portata a coltivare ottime relazioni esterne con il suo staff. Adora i felini nella fattispecie i gatti perché hanno delle caratteristiche simili al suo carattere. Infatti è istintiva, indipendente, tenace e non ama le persone opportuniste e calcolatrici. Nel tempo libero gioca a tennis, nuota e fa shopping.

Leggi anche

Show Mendes in passerella per Emporio Armani

La nuova collezione firmata Emporio Armani, detiene un mood orientale o meglio: il dialogo con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.