Home / Moda / Giovani Stilisti / Isabella Springmühl, la stilista guatemalteca che stupisce il mondo

Isabella Springmühl, la stilista guatemalteca che stupisce il mondo

Quella della stilista Isabella Springmühl è una favola che sta ispirando migliaia di persone nel mondo. E il suo brand è tra i più sorprendenti del momento

Storie di (stra)ordinaria bellezza. Tutti ne parlano: Isabella Springmühl Tejada, soprannominata Belita, è la prima stilista con la sindrome di Down ad avere avuto l’opportunità di mettere in mostra i suoi disegni ispirati alla cultura Maya.

“Amo la cultura Maya, voglio portarla per il mondo”

Isabella Springmühl
Isabella Springmühl con sua madre Isabel.

L’astro nascente della moda ha trasformato una porta chiusa in un’opportunità per scegliere una strada migliore e creare abiti adatti sia alle caratteristiche fisiche che alle esigenze estetiche di persone affette dalla sua stessa sindrome, per arrivare poi anche ad un più ampio pubblico.

Isabella Springmühl
Credits to Intermoda

Infatti, l’impossibilità di iscriversi all’università (per un diniego dovuto alla sua malattia) le ha dato la determinazione necessaria per trasformare la sua passione, coltivata sin da bambina, in un vero e proprio lavoro, creando una linea di moda tutta sua, d’ispirazione Maya: il suo brand è DOWN TO XJABELLE.

Sua madre, Isabel Tejada, ha creato con altre madri una fondazione che aiuta circa 5.500 ragazzi affetti dalla sindrome di Down. Isabella Springmühl ha sempre lavorato coi suoi tessuti su bambole comprate dalla madre, probabilmente influenzata dal talento della nonna designer.

I suoi disegni sono tipicamente vibranti, con ricami floreali, colorati utilizzando vecchi tessuti: Isabella lavora mediante la raccolta manuale di autentici tessuti guatemaltechi del suo fornitore di fiducia ad Antigua, che vengono poi trasferiti nel suo atelier e lavorati da una sarta e un esperto di ricamo seguendo le sue direttive.

Credits to Los Rostros

Il successo esplode nel 2015, quando Tejada viene invitata a presentare il suo lavoro al Museo Ixchel di tessili e abbigliamento indigeni in Guatemala. Viene venduta l’intera collezione, e da quel momento la sua fama cresce: i suoi disegni vengono portati in mostra a Panama.

Isabella Springmühl

Photo by @johannwnolck , model @katvas021

L’anno scorso i suoi vestiti sono stati esposti nella sezione International Fashion Showcase della London Fashion Week, e nell’ottobre 2016 è stata invitata a Roma per la presentazione di “Sogni – Del tamaño de tu sueños así serán tus logros”, progetto del Gruppo Artistico “Guatemala es Guatemala”.

Isabella Springmühl
Credits to Porfirio Lara Photograph

Per il suo contributo alla moda e al lavoro è stata scelta come una delle 100 Donne del 2016 dalla BBC. Oggi, sui social i video delle sue sfilate continuano a suscitare stupore. E noi vi consigliamo di tenerla d’occhio.

Per vivere la sua favola basta collegarsi al sito http://www.downtoxjabelle.com/ e accedere allo shop online. Perché, come diceva Walt Disney, “se puoi sognarlo, puoi farlo”.

Di Maria Cristina Folino

Laureata in Lettere e Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Salerno, specializzata in programmazione e gestione di interventi per gli archivi e le biblioteche digitali, Maria Cristina Folino vive a Salerno e collabora con testate giornalistiche locali da oltre 9 anni. Già docente di Scrittura Creativa ed esperta di comunicazione digitale, lavora come content creator e web editor. Impegnata con l’associazione culturale Felix Cultura e con Donation Italia, ha vinto numerose competizioni artistico-letterarie a livello nazionale. In passato ha pubblicato una raccolta di poesie ("Ali di Gabbiano", Aletti Editore, Roma 2008) e due ebook, una fiaba e un saggio, con Edizioni Il Pavone ("Liberami da questo libro!", 2010 e "Tim Burton e il Catalogo delle Meraviglie", 2013). Ha blog su Tumblr (http://mariacristinafolino.tumblr.com) e un canale dedicato a libri e moda su Instagram (@fashionreaders_lookbook). Il suo sito web è www.mcfolino.eu.

Leggi anche

Esemplare

“Esemplare” lancia un concorso per giovani designer sui capispalla

Hai meno di 28 anni e sei iscritto alle scuole universitarie di Fashion design o …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.