Home / Moda / Moda Donna / Abbigliamento Donna / L’alta moda di Armani: eleganza misteriosa

L’alta moda di Armani: eleganza misteriosa

Si è conclusa il 4 luglio la nuova sfilata di Armani Privè a Parigi presso il Palais di Chaillot. tempio di bellezza italiana del Settecento.

Luci esemplari e stucchi architettonici dorati arricchiscono l’atmosfera già di alto calibro.

Applausi d’eccellenza da Sophia Loren, Kate Winslet, Naomi Watts, Isabelle Huppert, Pryanka Chopra, Ana De Armas, Tang Wei, Rossy de Palma, Francesco Vezzoli e Barbara Palvin, in prima fila tra tanti ospiti che hanno acclamato il designer italiano Giorgio Armani che nuovamente da prova della sua estrema eleganza e maestria di creazione.

un pezzo di Milano a Parigi – racconta Armani – un pezzo d’Italia di cui vado orgoglioso dove riceverò d’ora in poi le clienti del mio Privé che stavolta si compone di 61 pezzi, tutti di alta moda vera. Non mi piace la confusione che c’è in giro: l’haute couture è una sola, quella vera, quella più preziosa ed unica. A me piace gareggiare coi grandi nomi dell’eleganza che sfilano qui a Parigi, non mi piacciono quelle firme che realizzano t-shirt costose come se fossero altro. Mi sembra che si sia perso un po’ il senso delle cose fatte col sentimento. L’alta moda è fatta per poche donne che se la possono permettere, misteriose. Non le incontri per strada, ma le puoi sognare. Parigi conserva sempre un grande fascino ma stiamo attenti a non perdersi“.

La donna di Armani è una donna misteriosa. La collezione della prossima stagione si ispira al Mistero femminile mai scontato ed esposto. Armani punta sulle rose nelle sue diverse sfaccettature e riproduzione come la sua declinazione su cappe di velluto gigantesche e leggiadre, dipinta sulla seta di abiti da sera sinuosi e perfetti.

Il suo ricamo sulle piccole giacche da sera e sui pantaloni di velluto, oppure negli accessori e nello specifico  in testa ad ogni modella un copricapo di maglia con una vezzosa veletta modellata da una donna ad un’altra.

La palette di colori predilige il nero, sempre elegante, e altri colori come rosa fuxia, un po’ di celeste calcedonio, un tocco di beige sul cappotto di coccodrillo effetto seta, giada, rose di vernice come volant al fondo degli abiti da sera, gonne leggerissime di tulle luminoso.

Attenzione minuziosa ed inconfondibile per l’accessoria che completa l’outfit: borse di coccodrillo le più in voga.

Laura Savini

Di Laura Savini

Laura Savini, nasce a Roma il 10 aprile 1984. Studia lingue dalle scuole superiori, e sceglie di laurearsi in lingue e culture moderne nel 2012. Da sempre attratta dal mondo dello spettacolo e moda, segue un master in comunicazione e moda presso l’accademia romana di costume e moda e raggiunge l’obiettivo prefissato: product manager per eventi. Dal 2013 infatti, collabora per il fashion system attraverso una start up romana, che le permette di conoscere una realtà da sempre sognata. Dai piccoli designer ai pilastri della moda italiana, seguendo passo a passo le produzioni di un grande evento. Viaggia per lavoro dividendosi tra Milano, Firenze, Roma, Cannes, Ginevra…… Casting, fitting, coordinamento backstage e regia sono le attività che svolge quotidianamente. Stella Jean, Au jour le Jour, G. Colangelo, San Andrès, A.Bratis, C. Pellizzari, i giovani; John Richmond, Chopard ed il re del fashion system italiano Giorgio Armani, i grandi con i quali ha collaborato fino ad oggi. “ Credere per riuscire”, il motto che l’accompagna da quando ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda. Ma Laura, non è solo event manager; dopo otto anni di collaborazione in una gioielleria romana, inizia per hobby a realizzare una piccola capsule collection di articoli handmade creati con materiali eco, riciclati e pietre dure. Da Hobby a lavoro, i suoi articoli vengono apprezzati e acquistati tramite un e-commerce dedicato . Inizia una piccola distribuzione sul territorio romano, con un obiettivo preciso: vendita ad ampio raggio…..La speranza e la voglia di creare non finisce mai, basta crederci! Per finire, la passione per la scrittura. Fin da piccola, si cimentava nella scrittura di storie, racconti, favole ed oggi scrive articoli per web magazine. La prima collaborazione arriva con la testata "d-moda" e "gp magazine"…..e non intende fermarsi!

Leggi anche

catastrofe sullo ionio,

Filippo Radogna presenta i suoi racconti sospesi tra ipertecnologia e mistero

«Mondi utopici sospesi tra passato e futuro, ipertecnologia e mistero» sono quelli raccontati dallo scrittore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.