Home / Eventi / Dagli Album Campari una storia a due ruote

Dagli Album Campari una storia a due ruote

In occasione dei festeggiamenti per i 100 anni del Giro d’Italia, Galleria Campari alza il sipario su un percorso espositivo che unisce l’arte e l’amore per il ciclismo, sport che ha contribuito a cambiare la storia del costume nel nostro paese.

La mostra inizia il 24 maggio presso gli Headquarters Campari a Sesto San Giovanni, ma la sua inaugurazione ufficiale sarà fatta coincidere con l’ultima tappa del Giro che si svolgerà il prossimo 28 maggio a Sesto San Giovanni e decreterà il vincitore dell’edizione 2017, festeggiando in grande stile l’anniversario del suo primo secolo di vita. Un secolo ricco di fotogrammi che hanno scadenzato i momenti più belli e significativi di uno sport che non è solo agonismo, ma dischiude il valore simbolico e culturale più rappresentativo del XX secolo.

Campari non è stata solo uno sponsor (del Giro d’Italia del 1938 e 1939, del Giro dei Tre Mari del 1939, del Gran Premio di Lugano – che dal 1955 al 1961 divenne Gran Premio Davide Campari); ma ha contribuito anche alla metamorfosi della società, tracciando l’itinerario di antichi e nuovi luoghi di incontro e di scambio sportivo e di costume. Dall’intreccio tra Campari e il ciclismo, nasce l’idea di una mostra che guarda al passato proiettandosi verso il presente e il futuro.

Dall’archivio Campari sono state selezionate una trentina di foto, che ripercorrono il periodo dagli anni Trenta agli anni Sessanta e sono inserite in un “album” reso pubblico per tutti gli appassionati delle “due ruote” più famose del mondo.

26° GIRO D’ITALIA 1938 PACKARD A FIRENZE DAVID MICHELANGELO© Courtesy Galleria Campari

Immagini che custodiscono i tesori dei momenti di giubilo in cui, lungo tutto lo stivale non si festeggiava solo la vittoria di una tappa, ma la vitalità e l’orgoglio del nostro Belpaese. Sono gli anni d’oro dei ciclisti che con le loro imprese hanno fatto sognare gli italiani non solo durante il Giro d’Italia, ma anche durante il Gran Premio di Lugano e il Giro dei Tre Mari.

Da Fausto Coppi a Ciro Cinelli, da Costante Girardengo a Moser, Anquetil, Baldini, Gaul, Magni, questi sono stati tra i più grandi pionieri che hanno portato in alto la bandiera dell’Italia sportiva, i cui marchi sono diventati un vero e proprio brand per aziende che esportano a livello mondiale abbigliamento, accessori e design innovativo per ciclisti professionisti.

26° GIRO D’ITALIA 1938 PREMIAZIONE CINELLI RIETI ROMA © Courtesy Galleria Campari

Nell’ambito della Galleria Campari, nata nel 2010 in occasione dei 150 anni di storia dell’azienda e allestita in modo permanente in via Gramsci a Sesto San Giovanni, ci sarà quindi anche un nuovo angolo espositivo dedicato a “Bike Passion. Dagli Album Campari una storia a due ruote, a cura di Marina Mojana e Fabrizio Confalonieri, patrocinato dal Museo del Ciclismo del Ghisallo e dal Comune di Sesto San Giovanni. Una passione, quella per il ciclismo, unita a una grande professionalità, che ancora oggi, superata la soglia del XXI secolo, si protende verso la fatica e lo spirito di abnegazione.

La società con i suoi mood è cambiata; nuove forme di aggregazione hanno trasformato le abitudini delle nuove generazioni modellandone gli stili di vita. L’esposizione non verte soltanto a valorizzare le foto d’epoca, ma anche le grafiche degli illustri pubblicitari del passato.

Veri e propri tesori entrati negli archivi di storia, come le otto tavole originali di Ugo Mochi, uno dei più insigni esponenti della Shadows in Outline”. Tra le sue illustrazioni più importanti ci sono, appunto, le immagini pubblicitarie che ritraevano la bicicletta nelle sue diverse trasformazioni  che l’hanno resa un mezzo di trasporto sempre più fruibile.

Ed ancora, Franz Marangolo ed altri autori degli anni Cinquanta e Sessanta, che hanno scandito le nuove avanguardie nella comunicazione. A fare da cornice esclusiva un esemplare storico di biciclo dal Museo Nicolis di Villafranca di Verona.

Nell’ultima sezione della mostra è esposto infine il contributo del collezionista d’arte Antonio Colombo, anche Presidente di Cinelli, azienda leader nel settore delle due ruote, il cui sguardo è rivolto all’innovazione nel design ciclistico: nove pezzi della propria collezione, firmate da una celebre rosa di designer internazionali, come Alchimia, Alberto Biagetti, Sergio Calatroni, Death Spray Custom, Barnaba Fornasetti, Stevie Gee, Max Lamb, Barry McGee, Alessandro Mendini.  

 Marianna Gianna Ferrenti

Informazioni Utili:
Galleria Campari

HQS Gruppo Campari

Viale Gramsci 161
Sesto S. Giovanni (MI)
Tel. 02 62251
galleria@campari.com 
www.campari.com 
www.camparigroup.com
 
Visite guidate e su prenotazione

Dal martedì al venerdì
Mattino: visite per gruppi (minimo 15 persone) su prenotazione. Ore 10.00 e 11.30.
Pomeriggio: visite su prenotazione. Ore 14.00, 15.30 e 17.00.
 
Ogni secondo sabato del mese
Visite su prenotazione: ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00.

Ogni primo martedì del mese
Apertura serale con visita su prenotazione: ore 20.00.

Aperture straordinarie:

Domenica 28 maggio

Dalle 10.00 alle 18.30

Domenica 11 giugno

Visite su prenotazione: ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00

Di Marianna Gianna Ferrenti

Sono una giornalista pubblicista lucana. Dopo alcune esperienze sul territorio, ho allargato gli orizzonti, affacciandomi nel 2012 al mondo del social journalism. Laureata magistrale in Scienze filosofiche e della comunicazione, dopo un corso di Alta Formazione in Graphic Design ed Editoria digitale, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, ho arricchito il mio background con competenze tecniche nell'ambito della scrittura digitale

Leggi anche

pvc

PVC: il tessuto “tech” trend dell’autunno!

È il PVC il nuovo tessuto trend di questa stagione! Dopo aver incoronato il Velluto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.